PROGETTO MAGIS

Tema Prevalente
Partnership con la Comunita' Scientifica

Attori / Soggetti Coinvolti
Bayer CropScience , Università di Milano. Assoenologi, Image Line

Periodo di Svolgimento
Dal 01/01/2011

Descrizione
Viene adottata per la gestione del vigneto l'approccio dell'agricoltura di precisione, che è considerata ormai la nuova frontiera della sostenibilità.
Oggi infatti la ricerca permette di conoscere in grande dettaglio quello che avviene nel vigneto: la zonazione del terreno, la struttura del suolo e il suo contenuto di sostanze organiche e inorganiche, la presenza di funghi e insetti, la composizione floristica del manto erboso, i cicli dei parassiti, e così via.
Allo stesso tempo, esistono nuove tecnologie in grado di monitorare il vigneto, distribuire fertilizzanti o agrofarmaci solo dove e quando serve, e nelle quantità che servono, o tracciare tutte le operazioni compiute.
In altre parole, grazie a una conoscenza maggiore, possiamo fare interventi molto minori che in passato. E se non si spreca, non si inquina neppure.
La fertilizzazione viene regolata punto per punto per concimare solo dove, quando e quanto serve, in modo da nutrire bene la pianta, senza far sviluppare troppi germogli, punti di attacco per i parassiti, e senza sprechi nell'ambiente.
Il diserbo si effettua solo in caso di assoluta necessità e solo lungo il filare. L'erba tra i filari può infatti migliorare la nutrizione della vite, oltre a conservare la naturale fertilità del suolo.
I grappoli d'uva sono particolarmente suscettibili all'attacco dei parassiti, ma la prima regola per fare del vino buono è portare in cantina dell'uva sana. Così si effettua quindi il minor numero possibile di trattamenti, scegliendo le sostanze più selettive e più sicure per la salute umana. Le attrezzature vanno controllate, perché i trattamenti avvengano solo nel punto giusto di ciascuna pianta, evitando ogni inquinamento ambientale.
L'obiettivo è quello di eliminare, o ridurre al minimo possibile, la presenza nel vino di contaminanti naturali o artificiali, pur utilizzando minimamente fertilizzanti e fitofarmaci.
Anche per questo si occupa anche della potatura, che regola il rapporto fra foglie e frutti ed è essenziale per avere un vino equilibrato, ma anche per ridurre le possibilità di attacco da parte dei parassiti.
Al momento della vendemmia, infine,  è anche possibile individuare i grappoli che hanno raggiunto il grado giusto di maturazione e raccogliere solo quelli, migliorando così la qualità del vino.
Lo conferma il fatto che nel primo anno, e in alcune fra le aziende già migliori d'Italia da questo punto di vista,ha permesso di risparmiare ben il 9% nell’uso di agrofarmaci, selezionando peraltro le molecole più selettive e sicure, e addirittura oltre il 30% in media nell’uso di fertilizzanti. Un minor numero di operazioni vuol dire anche un risparmio di acqua e soprattutto di energia, quindi minori emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera.Valorizzazione della gestione e della protezione del vigneto come fattore di competitività sul mercato.
Constatazione che per produrre vino di qualità occorre partire da produzioni di qualità nel vigneto
Miglioramento della comunicazione verso il cliente che vuole che il vino sia prodotto in maniera sicura e sostenibile in tutto il processo produttivo.

Obbiettivi Raggiunti
Valorizzazione della gestione e della protezione del vigneto come fattore di competitività sul mercato.
Constatazione che per produrre vino di qualità occorre partire da produzioni di qualità nel vigneto
Miglioramento della comunicazione verso il cliente che vuole che il vino sia prodotto in maniera sicura e sostenibile in tutto il processo produttivo.


Dai la Tua Valutazione

  • 1) Rilievo dell’iniziativa di sostenibilità rispetto all’azienda che l’ha promossa e alla filiera di riferimento.
  • Valutazione:
  • 2) Effetto potenziale dell’iniziativa sull’orientamento alla sostenibilità delle aziende associate e del settore agricolo in generale.
  • Valutazione:
  • 3) Replicabilità della pratica in altre situazioni e contesti del settore agricolo.
  • Valutazione:

CANTINE LEONARDO DA VINCI

Indirizzo
Via Provinciale di Mercatale 291 (FI) - Toscana

Settore Produttivo
Vitivinicolo

Numero Dipendenti
oltre 10

Estensione Azienda
500 Ha

Principali Tipologie di Coltivazione
Vigna


Altre Best Practices per Questa Azienda