ADOZIONE DEL PROTOCOLLO VITICOLO DELLA DOCG CONEGLIANO VALDOBBIADENE

Tema Prevalente
Tutela dell’Ecosistema

Attori / Soggetti Coinvolti
Consorzio Conegliano Valdobbiadene D.O.C.G.  Prosecco Superiore

Luogo di Realizzazione
Vigneti aziendali a Susegana

Descrizione
Da sempre, la filosofia produttiva aziendale è legata alla salvaguardia del territorio di produzione e alla bellezza del suo paesaggio. Per questo, la difesa fitosanitaria, nel 2012,  è stata caratterizzata dall’adozione in azienda  del Protocollo viticolo della DOCG  Conegliano  Valdobbiadene, che stabilisce  delle linee guida di lotta integrata avanzata, che  inducono all’utilizzo di determinati principi attivi e all’adozione delle più avanzate tecniche agronomiche, finalizzate alla riduzione del carico di fitofarmaci e di concimi, in modo da tutelare gli operatori, i consumatori e l’ambiente di produzione.  Il Protocollo classifica i prodotti commerciali ammessi, in relazione alla tossicità intrinseca del principio attivo, alla classe tossicologica del formulato commerciale e all’analisi delle frasi di rischio inerenti l’uso del prodotto. Con l’adozione del Protocollo, l’azienda si impegna ad utilizzare prodotti  n. c , Xi  e Xn, tralasciando quelli T e T+ e tutti gli altri riportanti determinate frasi di rischio (R40 , R48, R60, R62, R66, R67, R68).  Questa scelta ha comportato l’eliminazione di numerosi fitofarmaci della linea convenzionale (es. mancozeb, folpet e loro miscele ) e l’adozione di altri, tutti  inseriti nella fascia  a più bassa tossicità e pericolosità per l’uomo e l’ambiente, o ammessi in viticoltura biologica. Lo sforzo che l’azienda ha fatto in questi anni nella ricerca di tutte le tecniche agronomiche  tese  al massimo rispetto ambientale, inclusa  l’adozione del Protocollo di difesa della DOCG, a cui poche aziende hanno aderito e  che risulta essere molto più restrittivo nell’uso dei fitofarmaci rispetto a quanto stabilito dalla  lotta integrata regionale. L’azienda  continuerà in ogni caso ad utilizzare il Protocollo della DOCG, quest’anno ancora più restrittivo, nonostante l’aggravio dei vincoli che esso comporta nella difesa della vite, convinta che quella della sostenibilità totale -ambientale, sociale ed economica - sia l’unica strada da percorrere per il futuro, anche in relazione alle recenti direttive nazionali e comunitarie ( 2009/128/CE sull’uso sostenibile dei pesticidi).  Il programma aziendale  prevede  anche degli incontri informativi, del resto già effettuati lo scorso anno, rivolti al personale aziendale, al quale viene illustrato sia il Protocollo di difesa utilizzato, sia il “Regolamento Intercomunale di Polizia Rurale” adottato  anche dai  Comuni di Susegana e Conegliano. In tal modo si intende renderli partecipi della  filosofia aziendale molto sensibile alla loro tutela  e al rispetto dell’ambiente di lavoro. In questa ottica, l’azienda ha aderito lo scorso anno, con altre 8 aziende, ad  un progetto quinquennale portato  avanti dal CRAVIT ( Centro di Ricerca per la Viticoltura di Conegliano) sulla potatura della vite, sulla sanità e longevità dei vigneti, finanziandolo. Con  l’annata in corso, infine, l’azienda comincerà il periodo triennale di conversione in conduzione biologica di una superficie di tre ettari.

Obbiettivi Raggiunti
Il progetto è in corso

Altre Informazioni
Relazione pluriennale con il Consorzio Conegliano Valdobbiadene D.O.C.G.  Prosecco Superiore


Dai la Tua Valutazione

  • 1) Rilievo dell’iniziativa di sostenibilità rispetto all’azienda che l’ha promossa e alla filiera di riferimento.
  • Valutazione:
  • 2) Effetto potenziale dell’iniziativa sull’orientamento alla sostenibilità delle aziende associate e del settore agricolo in generale.
  • Valutazione:
  • 3) Replicabilità della pratica in altre situazioni e contesti del settore agricolo.
  • Valutazione:

MANDRE SOCIETA’ AGRICOLA SNC TRINIDAD COLLALTO - BORGO LUCE

Indirizzo
(TV) - Veneto

Settore Produttivo
Agroenergetico, Foraggere e pascolo, Seminativi e coltivazioni industriali, Vitivinicolo, Zootecnico

Multifunzionalità:
Agriturismo, Fattorie didattiche, Iniziative culturali e turistiche, Trasformazione prodotti agricoli, Vendita Diretta Prodotti Agricoli

Tipologia d’Impresa
Imprese Agricole Assuntrici di Manodopera

Numero Dipendenti
oltre 10

Estensione Azienda
500 Ha

Principali Tipologie di Coltivazione
SEMINATIVI: mais-frumento-orzo-triticale;     VITICOLTURA: Glera, Pinot grigio, Chardonnay, Merlot, Cabernet;   FORAGGERE.

Principali Tipologie e Numero di Capi:
Bufale 400; bovini da carne 500; suini 200; pecore 40; equini 20.
Un apiario di collina con circa 30 arnie.

Altre Attività
1.Agriturismo: ospitalità e somministrazione spuntini; 2. Fattoria didattica; 3.Caseificio per la lavorazione del latte di bufala; 4.Sala per la lavorazione della carne e dei salumi; 5.Punto vendita aziendale; 5.Museo del Mulino; 7.Impianto di produzione di energia da fonti rinnovabili (biogas); 8. Agri-Osteria Borgoluce; 9. Frasca Rocca gelsa.


Altre Best Practices per Questa Azienda