RESPONSABILITA’ E TUTELA DEL TERRITORIO

Tema Prevalente
Valorizzazione delle Comunita’ dei Territori

Attori / Soggetti Coinvolti
PONTERE’ CECERE – CASEIFICIO LE TERRE DI DON PEPPE DIANA (LIBERA TERRA)

Luogo di Realizzazione
CANCELLO ED ARNONE ( CE ) E CATEL VOLTURNO (CE )

Periodo di Svolgimento
Dal 01/05/2012

Descrizione
Ponteré, azienda agricola e zootecnica biologica, dal mese di maggio 2012 ha scelto di contribuire alla realizzazione del progetto di Libera Terra consistente nella realizzazione di un caseificio su beni confiscati alla camorra per la produzione di mozzarella di latte di bufala biologico. Il contributo di Ponteré fin dall’inizio è stato quello di vendere (in accordo con il cliente tradizionale ) una parte del latte al caseificio “Le Terre di Don Peppe Diana” con una flessibilità nella domanda pari alla richiesta di mozzarelle da parte dei consumatori; questo, per un caseificio in fase di start-up, ha un notevole significato, poiché evita di realizzare scorte di materia prima non necessarie e non utilizzabili per la produzione di un prodotto come la Mozzarella di Bufala Campana DOP che prevede utilizzo di latte fresco. Il motivo per cui abbiamo deciso di sostenere un’organizzazione che si occupa di diffondere messaggi giusti nel nostro territorio attraverso il concetto del lavoro, dell’onestà e della giustizia sociale inteso come contributo anche al territorio, ed in un territorio come il nostro, riteniamo sia un bene per tutti! Noi abbiamo avuto l’opportunità di poter sostenere l’iniziativa di Libera perché eravamo gli unici ad essere nelle possibilità di certificare il nostro allevamento come biologico, (le cooperative di Libera Terra producono solo cibi bio) e dunque abbiamo sentito anche una grande responsabilità ed un dovere morale nel sostenere un’iniziativa tesa a combattere l’illegalità e a diffondere le buone pratiche. Tanti altri avrebbero voluto sostenerli (e lo diciamo con gioia) ma i percorsi per convertire un allevamento sono molto lunghi e difficili. Per noi essere socialmente responsabili significa anche occuparci non solo del nostro profitto ma della crescita complessiva del nostro territorio attraverso il coinvolgimento di tutti , anche perché riteniamo che in un progetto di lungo termine ciò si traduca nella riqualificazione della nostra terra e nella valorizzazione dei nostri prodotti.

Obbiettivi Raggiunti
I benefici raggiunti ed inaspettati sono stati sicuramente benefici di carattere mediatico. La nostra è una realtà centenaria, sono circa 40 anni che la famiglia Cecere ha scelto un metodo di allevamento allo stato semi-brado. Negli anni ’70 Mario Cecere scelse di passare dall’allevamento intensivo all’allevamento estensivo e questa scelta oggi ci premia, ma grazie anche alla scelta di vendere il latte al caseificio “Le Terre di Don Peppe Diana” il nostro prodotto e la nostra realtà incuriosisce e dunque abbiamo ampliato la ricettività e la qualificazione dell’allevamento.

Altre Informazioni
I fattori di carattere culturale, ma anche fattori direttamente attinenti alle modalità di allevamento in linea con le pratiche di sostenibilità ambientale richieste dal Biologico e dalla comunità europea.
Le cooperative di Libera Terra, come detto, producono solo cibi bio, dunque per poter aderire e sostenere l’iniziativa occorreva latte di bufala biologico.
 L’allevamento Ponteré beneficia anche delle misure agroambientali del PSR.


Dai la Tua Valutazione

  • 1) Rilievo dell’iniziativa di sostenibilità rispetto all’azienda che l’ha promossa e alla filiera di riferimento.
  • Valutazione:
  • 2) Effetto potenziale dell’iniziativa sull’orientamento alla sostenibilità delle aziende associate e del settore agricolo in generale.
  • Valutazione:
  • 3) Replicabilità della pratica in altre situazioni e contesti del settore agricolo.
  • Valutazione:

PONTERE’ CECERE

Indirizzo
(CE) - Campania

Settore Produttivo
Biologico, Lattiero Caseario, Zootecnico

Multifunzionalità:
Fattorie didattiche, Trasformazione prodotti agricoli, Vendita Diretta Prodotti Agricoli

Tipologia d’Impresa
Imprese Agricole Assuntrici di Manodopera

Numero Dipendenti
da 1 a 5

Estensione Azienda
64 ETTARI IN PROPRIETA’ e 50 ETTARI IN COMODATO D’USO

Principali Tipologie di Coltivazione
Pascolo naturale non seminato

Principali Tipologie e Numero di Capi:
Bufala di razza mediterranea – A regime 300 capi. Attualmente sono circa 155

Altre Attività
Apicoltura, produzione per conto terzi di salsiccia secca di bufalo e prodotti cosmetici a base di latte e miele


Altre Best Practices per Questa Azienda