24.09.2018

Anga Brescia, il 26 settembre una grande festa per i sessant’anni di storia

Sono attesi tanti giovani agricoltori, soci di Confagricoltura ed autorità per celebrare un anniversario così importante organizzato in una location tipica del mondo associativo agricolo: il territorio di Barbariga, che offrirà le specialità dei Casoncelli Deco e lo spiedo bresciano
 
Sarà una serata da ricordare quella che è stata organizzata dall’Anga di Brescia (il gruppo dei giovani imprenditori di Confagricoltura) per festeggiare i sessant’anni di vita associativa: la fondazione della realtà bresciana risale infatti al 1958.
Oggi l’agricoltura è cambiata, ma è rimasta invariata la certezza che solo condividendo esperienze, progetti ed aspettative si può essere agricoltori con più strumenti per affrontare le sfide del futuro.
Confagricoltura Brescia è al fianco dei giovani soci che hanno voluto fortemente questo appuntamento e secondo il direttore Gabriele Trebeschi, “questi anniversari ci ricordano quanto la nostra Associazione sia radicata nel territorio da tanto tempo e come l’appartenenza al gruppo giovani sia un valore che viene tramandato da molte generazioni di imprenditori agricoli”.
L’appuntamento è per mercoledì 26 settembre, dalle ore 19, in piazza 11 Settembre a Barbariga. Dopo i saluti del presidente di Confagricoltura Brescia, Francesco Martinoni, e del presidente Anga Brescia, Giovanni Grazioli, prenderà parola Davide Bonassi che presenterà il momento centrale dell’evento, ossia le testimonianze dei past president di Anga, un racconto toccante e ricco di aneddoti storici.
Seguirà poi la cena conviviale a base di Casoncelli Deco e spiedo bresciano, a cura del Comune e della Proloco di Barbariga, per poi passare alla consegna degli attestati della seconda edizione dell’Academy Brescia. Il percorso di formazione continuerà anche quest’anno: “Questa esperienza formativa - ha affermato Giovanni Grazioli - sarà il pilastro della crescita dei nostri giovani e dovrà continuare il proprio percorso adeguandosi sempre più alle esigenze dei nostri imprenditori. Il mio obiettivo principale è la crescita personale e professionale di ogni singolo ragazzo che si mette in gioco entrando nel nostro gruppo. Mi aspetto un importante afflusso di adesioni anche da parte dei familiari degli agricoltori o di chi ha avuto modo di verificare l’autorevolezza e l’organizzazione dimostrata nelle prime due edizioni sperimentali. Ora però, la testa ed il cuore sono rivolti alla festa per i nostri sessant’anni di vita!”.
La serata sarà poi allietata dell’intrattenimento musicale del gruppo “I soliti sospetti”.
I giornalisti saranno graditi ospiti dell’appuntamento.