26.06.2018

Agrinsieme chiede incontro urgente con ministro Centinaio: “Proteggere e tutelare lo zucchero made in Italy”

A seguito della liberalizzazione  delle quote europee, il settore bieticolo-saccarifero vive una congiuntura sfavorevole, con eccessi produttivi di alcuni Paesi, in particolare di Francia e Germania, che hanno aumentato del 20% le superfici coltivate. Da ciò la necessità di valorizzare e proteggere lo zucchero 100% italiano, che è fortemente penalizzato dalla ristrutturazione decisa dall’Unione europea.
Lo sottolinea Agrinsieme (il coordinamento che rappresenta le aziende e le cooperative di Cia Agricoltori, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle cooperative agroalimentari) che ha sollecitato l’attivazione di misure nazionali ed anche europee per lo zucchero made in Italy.
A tal proposito Agrinsieme ha chiesto un incontro urgente,con il ministro per le Politiche agricole Gian Marco Centinaio, unitamente a Coprob (Cooperativa produttori bieticoli),  per valutare la situazione in atto del settore e proporre possibili azioni di intervento da adottare.