14.10.2019

Approvati nuovi dazi antidumping sulle importazioni di fertilizzanti azotati liquidi

La Commissione Europea ha emanato, l’8 ottobre, un regolamento che prevede l’imposizione di dazi antidumping sulle importazioni di fertilizzanti azotati consistenti in miscele di urea e nitrato d’ammonio allo stato liquido, provenienti da Russia, Trinidad e Tobago e Stati Uniti. La decisione ha chiuso la procedura antidumping aperta dalla Commissione il 13 agosto 2018.

I dazi aggiuntivi, fissati per tonnellata, ammontano a 22,24 €/t per la soluzione azotata proveniente da Trinidad e Tobago, 29,48 €/t per l'origine USA e 42,47 €/t per la maggior parte delle origini russe. Inoltre, la misura è retroattiva, ovvero sancisce anche la riscossione dei dazi provvisori applicati dall’11 aprile 2019 alle suddette importazioni.

La misura antidumping difende ancora una volta gli interessi dell’industria europea dei fertilizzanti, il cui prezzo nel mercato interno rimarrà sostenuto. Per contro gli agricoltori europei saranno penalizzati, non potendo beneficiare di una maggiore concorrenza sui prezzi di mercato dei fertilizzanti.