27.03.2020

Consiglio europeo: dichiarazione comune dei membri del Consiglio europeo per arginare gli effetti negativi derivanti dal Covid-19

Ieri, 26 marzo, in occasione della videoconferenza tra i Leader degli Stati membri dell’UE, il Consiglio europeo ha deciso di usare tutti i mezzi a sua disposizione, ed eventualmente fare molte eccezioni con tempi brevi per implementare le misure necessarie per proteggere i cittadini e le imprese dell’UE e superare la crisi causata dal Covid-19.
 
Di seguito un riassunto del Comunicato del Consiglio europeo (disponibile qui in forma integrale).
 
1. Limitare la diffusione del virus
Rafforzando il controllo delle frontiere esterne applicando una restrizione temporanea coordinata dei viaggi non essenziali verso l’UE. Agevolamento nella gestione delle frontiere per persone e merci per preservare il funzionamento del mercato unico. Contrastare in modo determinante la disinformazione comunicando in modo trasparente, tempestivo e oggettivo.
 
2. Fornire attrezzature mediche
Garantire la fornitura urgente e adeguata di attrezzature mediche in tutta l’UE.
 
3. Promuovere la ricerca
Sostegno e promozione della ricerca in modo coordinato e sinergico all’interno della comunità scientifica europea. Condivisione dell’informazione scientifica e collaborazione a livello dell’UE e mondiale per sviluppare al più presto un vaccino da mettere a disposizione di chiunque ne abbia bisogno.
 
4. Affrontare le conseguenze socioeconomiche
Sostegno alla risoluta azione intrapresa dalla Banca Centrale Europea per garantire condizioni di finanziamento favorevoli in tutti i paesi della zona euro. Ricorso alla clausola di salvaguarda generale prevista dal patto di stabilità e crescita.
 
5. Cittadini bloccati in paesi terzi
Intensificare gli sforzi volti a garantire che i cittadini dell’UE bloccati in paesi terzi che desiderano tornare a casa possano farlo
 
Altri punti discussi:
Allargamento: approvata le conclusioni del Consiglio del 25 marzo 2020 sull’allargamento e il processo di stabilizzazione e di associazione
Terremoto in Croazia: massima solidarietà alla presidenza e al popolo croati.
Situazione alle frontiere esterne dell’UE: resta preoccupante la situazione al confine greco-turco.
 
FONTE: Consiglio europeo – 26.03.2020