21.10.2019

Dichiarazione del Commissario per il Commercio Cecilia Malmström sulle contromisure commerciali annunciate dagli Stati Uniti dopo la sentenza della OMC su Airbus e Boeing

Con il 18 ottobre sono entrate in vigore le contromisure commerciali degli Stati Uniti sulle importazioni di prodotti aeronautici e agroalimentari dell'UE. Tale azione è stata autorizzata dalla OMC con la recente sentenza sul contenzioso Airbus/Boeing. In tale occasione il Commissario per il Commercio Cecilia Malmström ha voluto ribadire il proprio rammarico, affermando che l’UE attenderà l’esito del suo contro-ricorso alla OMC, sempre sul contenzioso Boeing/Airbus, per decidere eventuali ritorsioni commerciali sui prodotti importati nell’UE dagli Stati Uniti.
Il Commissario ha evidenziato come la reciproca imposizione di dazi danneggerebbe, oltre che i rispettivi settori aeronautici, anche molti altri settori, compreso l’agroalimentare.
Sia l’UE sia gli Stati Uniti hanno violato le norme dell’OMC, in tal senso il Commissario resta favorevole all’avvio di un negoziato dal quale far scaturire un accordo bilaterale equilibrato e conforme all’OMC.  Lo scorso luglio l’UE inviava agli Stati Uniti una proposta risolutiva sulla fornitura di sussidi ai rispettivi settori aeronautici, si attende ora una risposta da parte degli Stati Uniti.
Ora la Commissione monitorerà l’impatto che le contromisure tariffarie annunciate dagli Stati Uniti produrranno sui prodotti interessati, rivolgendo particolare attenzione al settore agricolo. Malmstrom ha sottolineato che la Commissione europea resterà vigile e non mancherà di intervenire con opportune misure a difesa delle imprese, degli agricoltori e dei consumatori europei.