16.09.2019

La Commissione adotterà nuove misure per rendere più trasparente la dinamica dei prezzi lungo la filiera alimentare

L’ 11 settembre la Commissione ha pubblicato un comunicato in cui annuncia l’intenzione, di comune accordo con gli Stati membri, di attuare ulteriori misure volte a garantire una maggiore trasparenza nella dinamica dei prezzi lungo la filiera alimentare, rafforzando le procedure di rilevazione dei prezzi dei prodotti agroalimentari in ciascuno Stato membro, nelle varie fasi della filiera alimentare. Questo consentirà ai diversi stakeholders della filiera di adottare decisioni commerciali più efficaci e gestire meglio i rischi di mercato.

Per il Commissario Hogan aumentare la trasparenza del mercato significa garantire un maggiore equilibrio tra le componenti della filiera grazie ad un miglior accesso alle informazioni sui prezzi e sul funzionamento del mercato. Ciò rappresenta un’opportunità per rafforzare il ruolo degli agricoltori nella filiera alimentare.

Queste nuove procedure si applicheranno ai settori delle carni, dei prodotti lattiero-caseari, del vino, dei cereali, delle piante oleaginose e proteaginose, dei prodotti ortofrutticoli, dell'olio d'oliva e dello zucchero. Le informazioni raccolte potranno servire per ridurre l’attuale situazione di svantaggio commerciale degli agricoltori rispetto al resto della filiera.

La raccolta di dati si baserà su sistemi e procedure già in funzione e utilizzati dagli operatori e dagli Stati membri per comunicare alla Commissione le informazioni di mercato. Ogni Stato membro sarà responsabile della rilevazione dei dati sui prezzi rappresentativi e sui mercati, dati che saranno poi trasmessi alla Commissione che a sua volta li pubblicherà sul suo portale (settori agroalimentari e osservatori di mercato dell'UE).

Le nuove regole saranno adottate dalla Commissione nelle prossime settimane e si applicheranno a decorrere dal 1º gennaio 2021.