21.10.2019

La Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale si oppone al progetto di decisione del Consiglio relativo alla modifica delle preferenze commerciali (carni di pollame e le preparazioni derivate) riguardanti l’Ucraina

In data 14 ottobre la Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale (ComAgri) ha pubblicato un progetto di relazione (qui allegato), sul progetto di decisione del Consiglio che modifica le preferenze commerciali, per le carni di pollame e le preparazioni derivate originarie, accordate all’Ucraina in base all'accordo di associazione con l'Unione europea.
Nel documento la ComAgri, per quanto si dichiari favorevole a colmare le lacune presenti nell'accordo di associazione con l'Ucraina, si oppone all’aumento del contingente tariffario per le carni di pollame e le preparazioni derivate, poiché non sono stati riscontrati progressi da parte dell’Ucraina nell'adeguamento delle proprie norme di produzione agli standards dell'UE in materia di ambiente, sicurezza alimentare e benessere degli animali. La commissione chiede inoltre che l’UE sospenda le importazioni di carni di pollame e preparazioni derivate dall’Ucraina fin quando quest’ultima non avrà operato tale adeguamento normativo.
La ComAgri pertanto ha invitato la Commissione per il commercio internazionale (ComInta), competente per il merito, a raccomandare al Parlamento europeo di respingere il progetto di decisione del Consiglio.