17.10.2019

Le azioni in favore del clima saranno una priorità assoluta nel bilancio 2020 dell’UE

L’eurodeputata tedesca Monika Hohlmeier (PPE), relatrice in commissione Bilancio del Parlamento europeo, ha spiegato in una recente intervista del 14 ottobre la sua proposta di parere per il bilancio 2020 dell’UE. Hohlmeier ha affermato che per il Parlamento europeo il contrasto ai cambiamenti climatici resta una priorità assoluta e in tal senso il bilancio 2020 dell’UE dovrà rispondere alle richieste di un’azione più incisiva per il clima e le tecnologie sostenibili.
 
Attualmente nel bilancio dell’Unione, per il periodo 2014-2020, le spese legate alle azioni in favore del clima non raggiungono il 20% (soglia minima di spesa prevista dall’UE). Di conseguenza il PE intende controbilanciare questo disavanzo tramite la proposta di bilancio UE per il 2020, proposta che prevede un aumento di 2 miliardi di euro sulla spesa per il clima.
 
In questo modo il PE intende lanciare un segnale chiaro sul contributo significativo che l’UE deve dare all’innovazione, alla ricerca, allo sviluppo di nuove tecnologie verdi e alla digitalizzazione, garantendo fondi adeguati alle Università e agli istituti di ricerca.
L’Eurodeputata ha sottolineato anche che le azioni in favore del clima e della protezione ambientale dovranno essere sostenute sia con la politica agricola comune (PAC) sia con i progetti sul programma LIFE+ e sulla diffusione delle energie rinnovabili.
 
Il Parlamento voterà sulla propria posizione sul il bilancio 2020 dell’UE nella sessione plenaria che si terrà a Strasburgo il prossimo 23 ottobre.