14.11.2019

Parlamento europeo: la Commissione per il commercio internazionale (ComInta) non dà il proprio consenso alla conclusione dell’accordo UE-USA in merito alla concessione di una quota del contingente globale d’importazione di carni bovine di qualità

Il 25 novembre a Strasburgo, in vista della sessione plenaria del Parlamento europeo, la ComInta, commissione responsabile in materia di Commercio internazionale, voterà un progetto di raccomandazione relativa alla conclusione dell'accordo tra Stati Uniti d'America e Unione Europea sull’assegnazione agli USA di una quota, pari a 35.000 t, del contingente globale d’importazione di carni bovine di qualità (che ammonta a 45.000 t).

I deputati della ComInta decideranno se accogliere o rigettare alcuni emendamenti (qui allegati) che puntano a negare il consenso del Parlamento alla concessione tariffaria agli USA, in quanto non consentirebbe al mercato europeo di attrarre nuovi partner commerciali del settore e allo stesso tempo consentirebbe agli USA, diretti concorrenti dell’UE a livello globale, di sviluppare ulteriormente il settore delle carni bovine ai danni dei produttori europei.

In termini più generali, la raccomandazione della ComInta sollecita la Commissione europea a preparare con prudenza, al fine di evitare qualsiasi nuovo conflitto in seno all'OMC, l’attuazione del Regolamento 2019/6 che, a partire dal 22 gennaio 2022, vieterà l’importazione in UE di carni provenienti da animali trattati con medicinali antibiotici allo scopo di accelerarne la crescita o aumentarne la resa.

la ComInta invita anche la Commissione e il Consiglio a valutare con attenzione l’impatto cumulativo che i vari accordi commerciali concessi dall’UE generano sul mercato interno.

A seguito dell’approvazione in ComInta la raccomandazione sarà votata il giorno 26/11 dalla sessione  Plenaria, la quale definirà la posizione del Parlamento sulla questione.