29.11.2013

A Bologna la vendita delle clementine antiviolenza

“A pochi giorni dalla giornata internazionale contro la violenza sulle donne che si è celebrata il 25 novembre, Confagricoltura Donna propone la clementina come simbolo dell’antiviolenza di genere. Le nostre imprenditrici calabresi offrono l’agrume in ricordo di Fabiana Luzzi, giovane studentessa di Corigliano Calabro massacrata dall'ex fidanzato in un agrumeto della cittadina ionica”. Lo ha detto Marina Di Muzio, presidente nazionale e regionale di Confagricoltura Donna, presentando l’iniziativa della vendita delle clementine che si terrà domani 30 novembre al Mercato della Terra (Via Azzo Gardino 65, Bologna) dalle ore 9 alle 13.  Tutto il ricavato andrà alla Casa delle Donne per non subire violenza Onlus (www.casadonne.it).
Le clementine di Calabria (IGP) come emblema anti-violenza sono protagoniste a Bologna, come in molte altre piazze d'Italia, per dire no al femminicidio e alla violenza di genere. E' un frutto coltivato nelle Piane di Sibari, di Lamezia e di Gioia Tauro; prelibato e senza semi, dal colore intenso e dalla tipica polpa dolce e succosa, che ha trovato in Calabria il suo habitat ideale.
“Questa giornata - conclude la presidente Di Muzio - non deve trasformarsi in un rituale fine a se stesso. Vorremmo lanciare oggi un forte segnale alle Istituzioni, affinché si impegnino in maniera seria e concreta per prevenire e contrastare la violenza di genere, fenomeno aberrante in drammatica crescita”.