24.11.2014

Giornata internazionale contro la violenza di genere. Domenica 30 novembre tappa a Bologna in Piazza Carducci

“Più politiche a sostegno delle imprenditrici agricole; più politiche di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne. Così anche quest’anno farà tappa a Bologna la vendita per beneficenza di clementine della Sibaritide, offerte dalle imprenditrici di Confagricoltura Donna Calabria a favore della Casa delle Donne per non subire violenza Onlus (domenica 30 novembre, in p.zza Carducci dalle ore 9 alle 13)”. Lo ha annunciato oggi Marina Di Muzio, presidente nazionale e regionale di Confagricoltura Donna a margine del convegno “Chi dice donna dice… dono. Il contributo delle donne all’imprenditoria agricola”, organizzato dal Comune di Fontanelice, Imola.

Le clementine di Calabria IGP, lo ricordiamo, sono divenute simbolo della lotta contro il femminicidio in ricordo di Fabiana Luzzi, la studentessa di Corigliano Calabro massacrata dall'ex fidanzato in un agrumeto della cittadina ionica.

L’iniziativa si svolgerà anche nelle piazze di Milano, Albenga, Asti, Perugia e Cosenza. Il ricavato sarà devoluto ai centri antiviolenza D.i.Re (Donne in Rete contro la violenza) affinché la violenza maschile contro le donne sia riconosciuta come violazione dei diritti umani.

“La donna guida il 22 per cento delle aziende agricole in Emilia Romagna ossia 13.535 realtà produttive (dati Unioncamere 2013), pertanto è fondamentale operare a livello territoriale, anche attraverso l’associazionismo agricolo, per confermare e migliorare questi numeri.  Nel delicato momento storico che l’Italia attraversa, c’è la necessità di ritornare all’economia reale.

L'agricoltura rappresenta un settore determinante nel sistema economico, sociale e ambientale: è l'unico settore che produce cibo e la donna imprenditrice contribuisce in modo determinante a creare occupazione e ad assicurare il ricambio generazionale - ha osservato Chiara Montroni di Confagricoltura Donna Emilia Romagna, Consulta di Bologna, relatrice al dibattito imolese assieme ad altre esponenti del mondo agricolo locale per celebrare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre). “Come imprenditrici e come donne però, siamo chiamate ad assumere anche un impegno sociale a tutto campo – ha concluso la Montroni nel suo intervento – verso un processo di rivalutazione del ruolo femminile e contro ogni forma di violenza di genere”.