16.06.2017

“Donnagricoltura Tour”: le imprenditrici nell’Oltrepo’ Pavese per la seconda tappa del viaggio al femminile tra le eccellenze

“Donnagricoltura Tour” ha fatto tappa in Lombardia, in provincia di Pavia, il 14 giugno. Organizzato da Confagricoltura Donna per incentivare la conoscenza tra le imprenditrici dell’organizzazione e delle realtà maggiormente innovative dei diversi comparti. Seconda tappa nell’Oltrepo’ pavese, a Codevilla, dove ha sede la Tenuta Montelio, antica sede della grangia di un monastero, dove già nella seconda metà del 1200 si coltivava la vite, una località al confine tra il Piemonte e Lombardia, dove una rinomata produzione vinicola si sposa con un suggestivo ambiente naturale.
 
A fare gli onori di casa Caterina Brazzola, presidente di Confagricoltura Donna Lombardia, che con la sorella Giovanna conduce la storica azienda. Ha guidato il gruppo di imprenditrici alla scoperta dei vigneti e della cantina, con il suo Infernot, fornendo spiegazioni sulle tecniche colturali, sulla natura e sulla storia del territorio e tutte le informazioni necessarie all’assaggio consapevole degli ottimi vini.
 
La visita è proseguita nel pomeriggio con la visita all’Eremo di Sant’Alberto di Butrio, nella valle Staffora a Ponte Nizza, a 687 metri e al Castello Malaspina di Varzi, un polo turistico e culturale del territorio, concludendo la giornata con un aperitivo a base di prodotti tipici, con il proprietario dell’antico maniero.
 
Nutrita la presenza di imprenditrici, con la presidente nazionale Gabriella Poli. “Siamo orgogliose di questo progetto – ha detto - che sta riscuotendo grande successo e che ci permette di sottolineare la capacità di innovazione delle nostre imprenditrici. Una dimostrazione del vero spirito imprenditoriale accompagnato dalla passione, dalla determinazione e dall’inventiva nel loro lavoro”. 
 
“Siamo molto soddisfatte di questa esperienza – ha aggiunto la presidente di Confagricoltura Donna Lombardia, Caterina Brazzola –. L’obiettivo di “Donnagricoltura Tour” non si limita allo scambio di esperienze imprenditoriali, ma si amplia alla cultura. Nei nostri incontri abbiamo infatti inserito visite a monumenti e strutture architettoniche di pregio”.
 
Coltivare la conoscenza, le buone prassi e valorizzare le donne come motore di sviluppo e cambiamento, grazie alla loro attenzione all’ambiente e alla sostenibilità, ma anche al marketing e all’accoglienza. Questo l’obiettivo di Confagricoltura Donna in Tour, il progetto nazionale che accompagna le imprenditrici in un viaggio tra le realtà più innovative di Confagricoltura, ovviamente al femminile.
 
L’iniziativa che sta coinvolgendo tutto il territorio nazionale, da maggio a fine novembre, attraverso dei workshop ‘al femminile’ dedicati al mondo della produzione, proseguirà in autunno con una tappa alla scoperta del territorio dell’Emilia Romagna.