Confagricoltura Donna
"Coltiviamo capolavori" anche in Umbria, con 55 opere esposte in diversi siti della regione, che testimoniano il ruolo dell'agricoltura
22.06.2018

"Coltiviamo capolavori" anche in Umbria, con 55 opere esposte in diversi siti della regione, che testimoniano il ruolo dell'agricoltura

Le 55 opere sono state selezionate da Confagricoltura Donna, in collaborazione con Confagricoltura Umbria, il Servizio Musei, Archivi e Biblioteche della Regione dellUmbria, la storica dellarte Francesca Mavilla e Giovanna Giubbini, Direttore del Museo Archeologico di Venezia e grazie al supporto della BCC Credito Cooperativo Umbria per raccontare arte, paesaggi e tradizioni agricole
 
55 opere d’arte di diverso stile, epoca e tipologia, ma tutte accomunate dal tema rappresentato -l’agricoltura e il paesaggio- sono state selezionate da esperti per entrare a far parte di Un percorso insolito nellagricoltura e nellarte in Umbria, ideato e realizzato da Confagricoltura Donna in collaborazione con con Confagricoltura Umbria, il Servizio Musei, Archivi e Biblioteche della Regione dellUmbria, la storica dell’arte Francesca Mavilla e Giovanna Giubbini, Direttore del Museo Archeologico di Venezia e grazie al supporto della BCC Credito Cooperativo Umbria
Si passa dal frammento di bassorilievo con rami d’ulivo intrecciati di età augustea, in mostra presso il Museo archeologico e Pinacoteca di Amelia al San Francesco che predica agli uccelli di Benzolo Gozzoli a Montefalco; dal ciclo delle Storie della Passione di Nicola di Ulisse da Siena, custodito nella Chiesa museo di Sant’Antonio Abate a Cascia al Gonfalone della Misericordia di Benedetto Bonfigli a Paciano, nella Chiesa di San Giuseppe; dal Bacco di Carsulae, alle opere di Orneore Metelli al Caos di Terni, per arrivare al mosaico policromo raffigurante grappoli d’uva di Palazzo Metelli a Spoleto, alle piastrelle della Fontana Maggiore di Piazza IV Novembre a Perugia, fino al Sole sulle torri, opera di Gerardo Dottori, custodita al Museo dell’Accademia di Belle Arti di Perugia e, sempre di Dottori, I borghi del Comune di Magione, nel palazzo comunale della stessa Magione, senza tralasciare i Musei dell’Olio e del Vino di Torgiano. 
Obiettivo dell’iniziativa è quello di promuovere, attraverso l’arte, un modo nuovo di visita al territorio umbro, mettendo a disposizione del visitatore un percorso insolito, capace di raccontare tradizioni, storia, paesaggio, agricoltura e cultura della regione.
Per questo è stata realizzata anche una mappa interattiva -disponibile sul sito di Confagricoltura Umbria- che individua le opere selezionate, le geolocalizza e ne fornisce una adeguata illustrazione. 
Confagricoltura Donna è nata per promuovere, rappresentare e valorizzare il ruolo delle donne in agricoltura -ha spiegato la Presidente di Confagricoltura Donna, Alessandra Oddi Baglioni- Ma il nostro impegno non si limita ad economia e imprese, abbiamo scelto di essere forza attiva della comunità, strumento di crescita anche civile, culturale e sociale, ritenendo di poter portare un valore aggiunto, percorrendo strade diverse da quelle canoniche di una associazione di categoria. In questa ottica -ha concluso- si colloca il cammino nellarte umbra che arriva a compimento di un percorso in cui abbiamo discusso del paesaggio come componente essenziale delle attività produttive.”
Le opere individuate saranno indicate grazie ad un’apposita targhetta che le individua come parte del percorso. L’iniziativa resterà attiva da giugno a dicembre 2018 in tutti i musei e siti espositivi nelle quali le opere hanno stabilmente sede e presso i quali sono visibili.

Nella foto: la conferenza stampa di presentazione con la presidente Oddi Baglioni

vai al sito CONFAGRIUMBRIA