01.07.2016

Nasce a Grosseto la prima "Rete Signore dell'Olio"

Nasce a Grosseto la prima "Rete Signore dell'Olio". L'idea scaturisce dalla volontà di 3 imprenditrici che hanno deciso di sviluppare una propria attività imprenditoriale in terra di Maremma: una zona difficile ma preservata, e ricca di un potenziale di sviluppo straordinario, soprattutto in ambito agricolo e turistico.
 
Anna Barberini (La Forcola), Elena Neri (Il Tesorino), Francesca Quiriconi (Prato al Pozzo), queste le imprenditrici che così hanno deciso  di unire le proprie idee, capacità e conoscenze per commercializzare insieme, sotto un unico logo, l’Olio Extra Vergine di Oliva prodotto in proprio. Con la realizzazione di un packaging collettivo che racchiuda 3/6 bottiglie, dello stesso formato e etichetta fronte (mentre le etichette retro saranno personalizzate secondo le disposizioni di legge relative a produzione e imbottigliamento cui ogni produttrice è soggetta), le bottiglie conterranno i 3 oli EVO prodotti da ciascuna.
Il brand Le Signore dell’Olio (pay off Eccellenze di Maremma) unisce le 3 aziende agricole, e rappresenta il concetto sul quale si è sviluppato il progetto: la capacità femminile di fare di rete per raggiungere obiettivi importanti attraverso l’ottimizzazione delle proprie risorse.
Il mercato di riferimento ha quindi un posizionamento verso il lusso e la cucina gourmet, legato soprattutto all’iconografia attribuita alla Toscana e alla Maremma più in particolare. La distribuzione coinvolgerà Gastronomie, Concept store, Department store e ristoranti gourmet.
 
Le imprese si impegnano ad attuare il seguente programma di rete:
- ampliare la gamma di prodotti offerti;
- partecipare a fiere, eventi e manifestazioni nelle quali si realizzino iniziative anche di carattere promozionale tese a valorizzare l’immagine, l’attività e la professionalità delle imprese ed a pubblicizzare la “rete” stessa;
- organizzare eventi di impulso al turismo enogastronomico;
- definire linee comuni di marketing/pubblicizzazione delle azioni;
- realizzare “in comune” materiale propagandistico e pubblicitario; 
realizzare investimenti in macchinari, attrezzature e strumentazioni per incentivare l’innovazione dei prodotti e/o processi produttivi e/o investimenti in infrastrutture informatiche per la promozione e vendita dei prodotti;
creare un packaging elegante e distintivo;
 
Ogni impresa partecipante al contratto de quo metterà a disposizione del progetto anche personale proprio, che si occuperà di svolgere tutte le attività necessarie per realizzare gli obiettivi della rete, facendo ricorso, dunque, al distacco ed alla assunzione congiunta previsti dal D. Lgs. n. 276/2003 così come modificato dalla L. n. 99/2013.
Nell’ambito del perseguimento dello scopo del contratto, su proposta dell’Organo Comune, il programma potrà essere integrato, modificato, aggiornato con approvazione della Assemblea delle imprese partecipanti.