Mondo Agricolo
Appuntamento al 18 maggio per la Giornata mondiale del fascino delle piante 2019
17.05.2019

Appuntamento al 18 maggio per la Giornata mondiale del fascino delle piante 2019

Riflettori sullo studio delle piante e delle scienze vegetali alla quinta giornata internazionale del "Fascination of Plants Day" 2019, che è organizzata il 18 maggio prossimo dall’European Plant Science Organization (Epso) e coinvolge scienziati provenienti da tutto il mondo. L’iniziativa è coordinata da due ricercatrici,  Valeria Bianciotto (Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante, Cnr) e Luisa Lanfranco (Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi, Università degli Studi di Torino), e si svolgerà in più di 70 città italiane, compresa Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, con oltre 170 eventi organizzati da università, enti di ricerca, giardini botanici, musei e vivai. L’obiettivo è quello di raccontare al grande pubblico quanto sia fondamentale il ruolo dei vegetali per l’ambiente, la salute del pianeta, l'agricoltura e la sostenibilità della produzione alimentare.
Il debutto della giornata del Fascino delle Piante avverrà presso l’orto Botanico di Torino durante la mostra HotHouse #1 “Les Doigts En Fleur” dell’artista Marina Cavadini e curata da Giovanna Repetto. La mostra prevede l’esibizione di un gruppo di performer tra le piante dell’orto botanico di Torino alla ricerca di nuove forme di comunicazione.
Il Cnr ogni anno svolge  un ruolo di primo piano nell’iniziativa  con 32 eventi  organizzati in tutto il territorio nazionale da 7 istituti  (Ipsp, Ispa, Isafom, Ibba, Ibbr, Ispam e Ibimet) e dal Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari (Disba). In particolare a A Matera, presso l’ex Ospedale San Rocco, in Via San Biagio, è previsto per il 18 maggio un evento sia scientifico-divulgativo che  artistico-culturale organizzato dall’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante (Ipsp), che in particolare coinvolgerà le scolaresche.
Il 17 maggio, presso la sede del Cnr in piazzale Aldo Moro, si svolgerà l’evento-spettacolo “Piante in scena”, in cui la ricerca incontra l’arte, il teatro e la musica per scoprire il mondo delle piante attraverso uno spettacolo originale che utilizza un linguaggio emozionale.
Sempre il 17 maggio, in un’attività di laboratorio per le scolaresche, curata dai ricercatori dell’Istituto di biologia e biotecnologia agraria (Ibba) di Milano, si scoprirà quali tracce dei fiori visitati dalle api restano intrappolate nella matrice zuccherina. Un’indagine al microscopio porterà a scoprire se l’origine del miele riportata in etichetta (castagno, rododendro, eucalipto, ecc.) è corretta e come il Dna può essere poi utilizzato per confermarne il riconoscimento attraverso un’opportuna analisi molecolare.I
Al sito web dell’evento (www.2019.plantday.it) si possono trovare gli appuntamenti organizzati sul territorio italiano da tutti gli enti, le istituzioni, i privati che hanno aderito alla manifestazione. Sul sito internazionale https://plantday18may.org/ è possibile trovare gli eventi che si svolgeranno in tutto il mondo. (F.B.)