Mondo Agricolo
Banda ultralarga nelle campagne, lavori in corso negli Usa e in Italia
05.09.2017

Banda ultralarga nelle campagne, lavori in corso negli Usa e in Italia

Lavori in corso per portare internet ad altissima velocità anche nelle aree rurali. La sfida sulla banda ultralarga riguarda non solo gli Usa, ma anche l’Italia. 
Negli Usa Microsoft utilizzerà i vecchi canali tv caduti in disuso per realizzare la banda ultralarga nelle aree rurali e poco popolate  dove è ancora difficile disporre di un servizio di connessione molto veloce, perché i fornitori spesso non sono in grado di sostenerne i costi. 
Il progetto coinvolge 12 Stati degli Usa tra cui Arizona, Kansas, New York e Virginia, per connettere 2 milioni di americani,che ancora non hanno accesso alla ret,  entro i prossimi 5 anni. 
Per colmare il digital divide la compagnia di Bill Gates punterà non tanto su satelliti e droni, quanto sugli “spazi bianchi” ossia la banda libera tra un canale e l'altro nelle frequenze televisive. 
La tecnologia è nota come "super Wi-Fi", perché si comporta come un normale Wi-Fi, ma impiega i canali televisivi a bassa potenza per coprire grandi distanze ed è in grado di penetrare mura molto spesse ed altri ostacoli. 
Per quanto riguarda l’Italia, invece il digital divide nelle aree rurali potrebbe essere colmato dai progetti annunciati per la realizzazione di due reti a banda ultralarga, ossia quello di Oper Fiber, la rete pagata con 2,6 miliardi di euro di fondi pubblici e che comprende Abruzzo, Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto, e quello della rete Telecom finanziato con soldi propri. 
Confagricoltura ricorda i dati della ricerca di Image Line- Nomisma del 2016 su digitale e agricoltura in Italia: l’82,3% dei consulenti in agricoltura usa quotidianamente internet per la propria attività ma solo il 61% degli agricoltori utilizza il web. Tra gli agricoltori “smart” il 95,6% consulta pagine web e banche dati online per la gestione dell’azienda agricola. 
Sarà presentata intanto il 20 novembre a Bruxelles la rete di uffici di competenza Ue per la banda larga. Il network, in preparazione dal 2015,  informerà cittadini e imprese e assisterà gli enti locali e regionali sui modi per investire efficacemente nella connettività a banda larga, in particolare nelle zone rurali. Il commissario Ue all’agricoltura, Phil Hogan, e la collega responsabile per gli affari regionali, Corina Cretu, lanceranno la rete durante i ‘BB Days’, i giorni della Banda Larga, in programma a Bruxelles il 20 e 21 novembre. (F.B.)