Mondo Agricolo
Nasce Campus Peroni, centro di formazione per una filiera italiana della birra
26.06.2018

Nasce Campus Peroni, centro di formazione per una filiera italiana della birra

E’ nato il Campus Peroni, un centro di eccellenza che coniuga  la promozione e la diffusione della cultura della qualità della birra e la sostenibilità in ambito agricolo e cerealicolo. Questo il senso dell’accordo siglato a Roma dal Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) e da Birra Peroni  per rafforzare appunto la formazione e l’innovazione sulla coltivazione sostenibile dell’orzo distico da birra e sul malto 100% Italiano.
Un'opportunità di formazione e innovazione per gli studenti di Agraria di Firenze, Perugia, Teramo e università della Tuscia, e per i 1.500 agricoltori della filiera Peroni, su circa 17mila ettari di campi coltivati ad orzo tra Umbria, Lazio, Toscana, Molise, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Marche, Campania e Puglia. Il protocollo d’intesa mette a sistema le iniziative di formazione e training con l’obiettivo di far crescere l’intera filiera al 100% italiana.
“Il progetto presentato - ha detto il sottosegretario Alessandra Pesce - ricalca nei suoi obiettivi il modello virtuoso di scambio tra ricerca, formazione e produzione. È il modello che ci consente di guardare con fiducia all’agroalimentare del futuro”. Questa iniziativa vuole essere uno strumento di valorizzazione dell’intera filiera nazionale, di di miglioramento qualitativo dell’orzo italiano, evitando l’importazione”.
"L'attività formativa - ha detto Salvatore Parlato, presidente del Crea - è da sempre al centro delle nostre iniziative perché sappiamo che è importante fare tantissima ricerca ma è altrettanto importante avere utilizzatori in grado di fare applicazione. Il contratto di filiera, sottoscritto oggi con Birra Peroni in collaborazione con le Università di Firenze, Perugia, Teramo e della Tuscia, è abbastanza ampio da garantire al consumatore una produzione birraria di maggiore qualità e con malto 100% italiano".
“Creare un prodotto per tutti è una caratteristica del nostro marchio - ha detto Federico Sannella, direttore relazioni esterne Birra Peroni - che, col Campus, crea un luogo di formazione in cui l'industria alimentare e agricoltura costruiscono le basi per il ricambio generazionale, la tutela del made in Italy, maggior reddito di filiera, tracciabilità delle produzioni".
Gli studenti che aderiscono al Campus Peroni avranno la possibilità di seguire un percorso didattico che prevede momenti di lezione frontale, workshop e visite “sul campo”, con la partecipazione degli stessi agricoltori della filiera, per apprendere tutto sulla coltivazione dell’orzo distico da birra. Nell’ambito di Campus Peroni saranno coinvolti nel Master di I livello in Agricoltura di Precisione istituito dall’Università di Teramo, in collaborazione con lo stesso Crea e coordinato da Michele Pisante, tecnologo alimentare dell'Università di Teramo, consigliere dello stesso Crea. (F.B.)