Mondo Agricolo
Progetto Saturno, agricoltura di precisione nel distretto del riso della Lomellina
09.08.2018

Progetto Saturno, agricoltura di precisione nel distretto del riso della Lomellina

Trasferire e diffondere l’innovazione tecnica per distribuire, in economia ma efficacemente, il fertilizzante attraverso l’utilizzo di tecnologie satellitari e di modelli agronomici. E’ l’obiettivo del progetto Saturno che associa l’Irea, l’Istituto di ricerca scientifica e tecnologica del Cnr, il Cassandra lab dell’Università di Milano ed il Distretto agricolo delle risaie della Lomellina,  capofila del progetto che coinvolge  a sua volta 46 aziende agricole ed è finanziato dal Psr Lombardia 2014-2020 attraverso la sottomisura 1.2. - "Sostegno a attività dimostrative e azioni di informazione (Operazione 1.2.01 - Progetti dimostrativi e azioni di informazione").  
Saturno  prosegue in sostanza il progetto Ermes, organizzato e finanziato negli anni scorsi dall’Ue, per dimostrare in campo le applicazioni dell’agricoltura di precisione.
Le attività dell’azienda agricola sono infatti sostenute con informazioni derivate da tecnologie innovative, che rendono la produzione più conveniente sotto l’aspetto economico e rispettosa sull’ambiente.  La ricerca si propone in particolare di individuare i momenti ideali per le concimazioni, le zone che ne hanno maggiore o minore necessità misurando anche quanto queste siano quantitativamente differenti.
Gli agronomi si avvarranno delle informazioni raccolte per stabilire quindi le pratiche agricole specifiche e realizzare le mappe di prescrizione.  L’impiego di macchine agricole a rateo variabile e mietitrebbie capaci di generare mappe di resa  consente di realizzare azioni dimostrative in campo sulla distribuzione del concime, a seconda delle reali esigenze colturali. Le informazioni ad alto valore aggiunto dei dati, rilevati grazie alle immagini satellitari e da modellistica agro-meteorologica, verranno integrate emesse a disposizione dei risicoltori del territorio della Lomellina.
L’attività svolta dall’Università di Milano è stata presentata in Lomellina lo scorso 18 luglio a Mortara (Pv) grazie alle applicazioni per smartphone sviluppate dal Cassandra Lab,
PocketN e PocketLAI. I dati da satellite, forniti dal Cnr, saranno invece il tema  di un secondo workshop semre sul progetto, in programma il 6 settembre prossimo.
(fb)