19.07.2019

Dai fiori al miele, noi e il futuro del mondo. Mostra fotografica promossa dalla FAI a Orvieto, in Umbria. E’ il circuito dell’apiturismo


Visitare una mostra didattica sulle api e sui segreti dell’alveare: nella splendida cornice del territorio umbro e della città di Orvieto, in provincia di Terni. E’ la proposta culturale suggerita dalla FAI-Federazione Apicoltori Italiani che lancia così l’idea di un circuito italiano all’insegna delle Api e del Turismo di qualità.
 
L’esposizione si intitola “Dai fiori al miele. Api, noi e il futuro del mondo” ed è un vero e proprio cerchio magico, visto che è stata finora capace di attrarre oltre 30.000 presenze in un luogo sacro e nel centro storico orvietano. La mostra ideata e curata da Maria Assunta Pioli, fotografa per passione, propone soggetti fotografici, elaborati di bambini, spunti e testimonianze sulla vita delle api, sulla biodiversità, in ultima analisi sul mondo in cui viviamo. Tra i tanti visitatori italiani e stranieri la scrittrice Susanna Tamaro, lei stessa amante e allevatrice di api; la regista e sceneggiatrice Alice Rohrwacher ha tributato alla mostra uno speciale pensiero che accoglie i visitatori.
 
L’iniziativa, inserita nella manifestazione “Orvieto in Fiore”, gode dei patrocini di Provincia di Terni, Comune di Orvieto, Associazione Comitato Cittadino dei Quartieri, Condotta Slow Food e FAI-Federazione Apicoltori Italiani. La mostra - ospitata nella Chiesa di San Giuseppe, in Piazza Filippo Gualtiero - è stata prorogata fino a domenica 28 luglio 2019, è aperta tutti i giorni dalle 9,30 alle 18,30, l’ingresso è libero ed è adatta ad un pubblico di tutte le età.
 
Un evento di quelli che a ragione, secondo la FAI-Federazione Apicoltori Italiani, si colloca negli itinerari italiani dell’ApiTurismo: scoprire e conoscere l’Italia più bella prendendo a riferimento un sito o un evento ad elevato interesse apistico. E’ la prima tappa, vi aspettiamo ad Orvieto!