Il CAF Imprese Confagricoltura, società a responsabilità limitata, costituito il 23 marzo del 2000 tra la Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana e la Federazione Nazionale dell'Impresa Familiare Coltivatrice, svolge attività di assistenza fiscale per le imprese associate alla Confederazione stessa, per le Associazioni che ne fanno parte, per i soci di società di persone, i partecipanti ad imprese familiari ed i coniugi partecipanti all'azienda coniugale.

Svolge attività di assistenza fiscale, ai sensi dell'art. 34, comma 1 e 3 del D.Lgs. n. 241/97 e successive modificazioni ed, a norma delle disposizioni di cui al D.M. n. 164/99, si avvale di responsabili dell'assistenza fiscale che, a richiesta del contribuente, possono apporre il visto di conformità di cui all'art. 35, comma 1, lett. a) dello stesso D.Lgs n. 241/97.

Il CAF Imprese opera sull'intero territorio nazionale tramite apposite Società di Servizi costituite dalle Organizzazioni della Confagricoltura ai sensi dell'art. 11 del D.M. n. 164/99, in base ad una convenzione che regola i rapporti e le modalità operative che devono essere adottate.

Tutte le attività svolte dal CAF Imprese Confagricoltura Srl e dalle società convenzionate sono effettuate utilizzando procedure informatiche capaci di ridurre notevolmente la possibilità di errori degli operatori, garantendo la riservatezza dei dati personali. Infatti, in base alle apposite convenzioni con le società di servizi, il CAF Imprese effettua tutti i controlli e le verifiche per assicurare il corretto svolgimento dell'attività di assistenza fiscale a queste delegata e per vigilare sull'attività di gestione amministrativa, logistica ed informatica delle società.

I RAF (Responsabili per l'Assistenza Fiscale), sono tenuti ad espletare tutti i controlli ed i riscontri propedeutici al fine del rilascio dei visti di conformità e ad esperire tutte le formalità ed i controlli previsti dai documenti di prassi dell'Agenzia delle Entrate.

Attività di controllo: il visto di conformità

Il visto di conformità (D.lgs. n. 241/97) costituisce uno dei livelli dell'attività di controllo attribuito dal legislatore a soggetti estranei all'amministrazione finanziaria sulla corretta applicazione delle norme tributarie.

L'art. 3 del D.L. n. 50/2017 ha abbassato la soglia per la compensazione dei crediti, relativi all' IVA, alle imposte dirette, all'IRAP e alle ritenute: in particolare, è stato ridotto a 5.000 euro,  il limite oltre il quale - per poter compensare i crediti (sia per IVA che per imposte dirette, IRAP e ritenute) - è obbligatoria l'apposizione sulla dichiarazione del visto di conformità (o, in alternativa, la firma del collegio sindacale).

Da qui il ruolo sempre più strategico del Caf Imprese, che è soggetto autorizzato ad apporre tale visto, innestandosi trasversalmente tra contribuente, Società di Servizi e Agenzia delle Entrate, supportando le imprese negli adempimenti previsti dalla normativa fiscale vigente, praticando costi contenuti, rispetto a quelli riscontrati sul mercato professionale.

 

Presidente del CAF Imprese: Dott. Massimo Franco


CAF Imprese Confagricoltura

C.so Vittorio Emanuele II 101,

00186 Roma

Contatti: 06/6852452