Il Premio nazionale per l'innovazione nel settore dell'agricoltura


Confagricoltura ha bandito il Premio Nazionale per l'innovazione nel settore dell'agricoltura. La cerimonia di premiazione si è tenuta il 17 luglio a Palazzo della Valle alla presenza del presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e del ministro delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio.

13 le aziende (vedi le vincitrici) insignite del prestigioso riconoscimento.

Il Premio è nato con l'idea di costruire un momento celebrativo che mostri quanto il settore sia già ricco di innovazione, mettendo in luce l'ampia e articolata offerta di soluzioni tecnologiche, di prodotto e di processo, organizzative, già poste in essere negli ultimi anni o in corso di sviluppo. Nel dare rilievo al tema dell'innovazione è emersa, inoltre, l'esigenza di enfatizzare il ruolo degli imprenditori agricoli in quanto vero motore dello sviluppo non solo aziendale ma anche territoriale.

Vai al comunicato stampa

Le storie delle aziende vincitrici nelle News Dal territorio

La galleria fotografica 

In relazione all'esame delle domande effettuato dalla Giuria del Premio, ai sensi dell'art. 11 del Regolamento, ecco il link con la GRADUATORIA DEI VINCITORI

 

 

Il Bando del premio

Il regolamento

La dichiarazione sostitutiva di atto notorio

Informativa trattamento dai personali

Categoria A - Nuove frontiere

In questa categoria rientrano tutte le innovazioni sviluppate dalle aziende agricole prettamente di tipo tecnologico. Si possono distinguere le cosiddette innovazioni di prodotto e di processo.

 

Queste le vincitrici per le Nuove frontiere:

Soc. Agr. Antonio Gandini (Mantova) 

Soc. Agr. Folli di Vigo Mario ed Alberto (Milano) 

Soc. Agr. Ss Porto Felloni (Padova, sede operativa Lagosanto FE)

Ditta individuale Preghenella Giuliano (Trento)

Soc. Agr. Ss Terre Grosse (Treviso)

Categoria B - Reti, filiere e consorzi d'impresa

In questa categoria rientrano tutte le innovazioni sviluppate dalle aziende agricole in collaborazione con altri soggetti, siano essi partner di filiera, di rete o altro. I benefici di tali innovazioni dovrebbero quindi essere riscontrabili a livello della singola azienda agricola, dei partner e del sistema intero del quale fanno parte.

In questa categoria, quindi, rientrano tutte le innovazioni implementate dalle aziende agricole in collaborazione con altri soggetti che riguardino ad esempio la fase di approvvigionamento, coltivazione, trasformazione, commercializzazione.

 

Queste le vincitrici per le Reti, Filiere e Consorzi d'impresa:

Gruppo CerealInnova (Pralormo, Torino)

Contratto di rete - Gallettificio Valditone (Piacenza) 

Gruppo Cannella - Mannino (Ragusa)

Gruppo Banfi, Avello e Raveri (Pavia)

Categoria C - Smart land & smart city

In questa categoria rientrano tutte le innovazioni sviluppate dalle aziende agricole che hanno dirette ricadute nel rapporto tra agricoltura e territorio. Due sono le possibili declinazioni individuate: la prima riguarda territori urbani e rurali mentre la seconda, il legame tra agricoltura e cultura, arte e turismo.

 

Queste le vincitrici per Smart Land, Smart City:

Ca' Corniani - Genagricola SpA (Caorle, Venezia) 

Soc. Az. Agr. Chiarlo (Asti) 

Soc. Agr. Castelvecchio (Gorizia)

Soc. Semplice AGT (Piacenza)