26.11.2015

Dopo Expo: i "Capolavori" di Confagricoltura tornano a Milano con "Cooking for Art"

Le eccellenze dell’agricoltura del nostro Paese, rappresentate dalle aziende di Confagricoltura, in degustazione a  Milano negli spazi delle “Officine” e della “Torneria” di Via Tortona 32, dal 28 al 30 novembre. Ad un mese dalla chiusura dell’Esposizione Universale, Confagricoltura torna Milano con i suoi Capolavori. Lo fa partecipando all’edizione milanese di Cooking for Art, il tradizionale evento organizzato da Witaly e Luigi Cremona, che riunisce i migliori alberghi, i migliori chef e i migliori prodotti del nostro Pese sotto il denominatore comune dell’eccellenza. Dopo il successo della partecipazione all’edizione romana, Confagricoltura sarà presente anche all’edizione milanese con il nuovo pay off coniato in occasione di Expo 2015, “Coltiviamo Capolavori”. Per tre giorni negli spazi delle “Officine” e della “Torneria” di Via Tortona 32, una delle location più fashion della città, le aziende di Confagricoltura proporranno a visitatori e operatori del settore i loro prodotti, dall’olio extra vergine d’oliva al vino, dagli ortaggi freschi ai trasformati, dai salumi ai formaggi, fino alle piante. Il meglio della produzione agricola del nostro Paese, contraddistinta dalla filosofia dell’Organizzazione degli imprenditori agricoli, che fa della qualità, della sostenibilità, della ricerca e dell’innovazione, ma anche della capacità di stare sul mercato il punto di forza di un’agricoltura moderna e competitiva. L’appuntamento milanese fa parte degli eventi di Confagricoltura nel dopo Expo 2015, in cui Confagricoltura crede con particolare determinazione, convinta che non debba essere disperso il grande patrimonio che l’Esposizione ha lasciato, in termini di opportunità e di visibilità mondiali per il modello di agricoltura del nostro Paese. “Expo – ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi – ci ha confermato le grandi potenzialità del nostro agroalimentare ed aperto le porte all’internazionalizzazione. Una sfida che si vince solo facendo squadra all’interno della filiera, coinvolgendo il mondo della produzione, quello della trasformazione e quello della distribuzione. Ma anche quello rappresentato dagli chef e dagli esperti di gastronomia, perché sono questi che, con la loro maestria, sono capaci di valorizzare, esaltando gusti e sapori attraverso sapienti abbinamenti, i prodotti della terra, diventando i veri ambasciatori del made in Italy nel mondo”. Grande attesa per il “Premio Miglior Chef Emergente 2016”, che riparte proprio qui a Milano. Una sfida che vedrà la partecipazione dei più promettenti chef under 30 delle regioni del Nord che si svolgerà nell’area “Officine”, mentre in parallelo nell’area “Torneria”, si svolgeranno le competizioni per il Premio Miglior Pizza Chef Emergente, che vedrà i migliori giovani pizzaioli del nord Italia confrontarsi davanti ad una giuria di esperti giornalisti del settore. Nel corso della gara per il “Miglior Chef Emergente del nord d’Italia”, lunedì 30 novembre, Confagricoltura consegnerà un Premio speciale allo chef che, con il suo piatto, avrà saputo meglio valorizzare i prodotti agricoli. Queste le aziende presenti nello stand di Confagricoltura: Agricola agricola Greco, Azienda agricola San Leonardo, Casale della Ioria, OP Confoliva, OP Mediterraneo - La Fiammante, Repoplant