27.09.2014

Sondaggio Confagricoltura: "Occorre che il Governo si concentri su provvedimenti finalizzati a incentivare la domanda"

L’orientamento dell’Esecutivo sembra coincidere con quanto auspicato dalla maggior parte degli aderenti al sondaggio promosso da Confagricoltura alla vigilia della legge di stabilità e di riforme, il cui impatto sarà decisivo sull’economia. 
 
Solo il 21% dei votanti è poco ottimista e pensa che, con gli attuali vincoli di bilancio, non ci sia spazio per interventi in grado di far ripartire l’economia. Il 25%, invece, ritiene che occorra dare priorità alle riforme annunciate, condividendo il percorso avviato dall’Esecutivo. A parere del 54% del campione invece è prioritario concentrarsi su misure che spostino le risorse dalla spesa pubblica al sostegno della domanda, in particolare attraverso il bonus per i redditi bassi, allargando la platea dei beneficiari e soprattutto la riduzione del costo di lavoro a favore di imprese e lavoratori.
 
Dal sondaggio di Confagricoltura si evince che, per far ripartire la produzione e la domanda, ogni provvedimento, oltre ad incidere concretamente sul reddito, dovrà riuscire anche a dare nuovo slancio alla "fiducia", senza la quale ogni misura risulterebbe poco efficace.