08.07.2015

Dalle "Bandiere blu" alle "Spighe verdi" al via il progetto per i comuni rurali. Firmato oggi il protocollo d'intesa tra FEE Italia e Confagricoltura

I presidenti della Foundation for Environmental Education – FEE Italia, Claudio Mazza, e di Confagricoltura, Mario Guidi, hanno sottoscritto oggi un protocollo di intesa per avviare il programma “Spighe verdi”, volto a favorire lo sviluppo sostenibile dell’ambiente rurale e destinato ai Comuni rurali, in primo luogo a quelli delle aree interne del Paese.
 
“Spighe Verdi” si basa sull’esperienza di FEE nella gestione del programma internazionale “Bandiera Blu”, un eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri di gestione sostenibile integrale del territorio, attraverso un complesso iter procedurale certificato UNI EN ISO 9001-2008, che vanta 28 anni di applicazione in 67 Paesi al mondo. “Spighe Verdi” si rivolge ai Comuni e utilizzerà, per la parte rurale, i principi del progetto EcoCloud di Confagricoltura, esempio di come le aziende agricole possano attuare pratiche sostenibili che coinvolgano e migliorino tutta l’azienda nei suoi aspetti ambientali, economici e sociali.
 
La lunga esperienza internazionale di FEE nella gestione di programmi di educazione ambientale e la presenza capillare di Confagricoltura sul territorio, attraverso le sue 19 Federazioni regionali, le 95 Unioni provinciali e i 2.143 uffici di zona e delegazioni comunali, garantiranno la massima diffusione del progetto ed il coinvolgimento delle Amministrazioni interessate.
 
Il prodotto del programma “Spighe Verdi” sarà uno strumento per semplificare la gestione sostenibile ambientale dei Comuni rurali. Quindi, non sarà solo un marchio, ma l’espressione di un processo di miglioramento continuo per contribuire alla salvaguardia delle risorse ambientali del pianeta.
 
Lo sviluppo sostenibile di un territorio passa attraverso un percorso di valutazione della complessità e di coinvolgimento degli stakeholder che inneschi un processo di cambiamento efficace nel medio e lungo periodo e che richiede l’affermarsi, a monte, di una mentalità complessa e sistemica di quanti vivono su quel territorio.
 
I firmatari del protocollo sono certi che, come è stato per “Bandiera Blu”, anche “Spighe Verdi” si trasformerà in un eccezionale volano di sviluppo dei territori, che consentirà alle località rurali di meritare un eco-label che ne certifichi i processi virtuosi, con particolare riguardo alle tematiche ambientali, considerate in tutti i loro aspetti, con evidenti positive ricadute anche sul turismo, la commercializzazione dei prodotti agricoli e dell’artigianato.
 
Il programma “Spighe Verdi” coinvolgerà le Amministrazioni locali, che lo adotteranno gratuitamente e spontaneamente nella valutazione della conservazione del paesaggio, dell’uso del suolo, della valorizzazione dei centri storici e degli aspetti culturali dei luoghi, per finire con lo sviluppo turistico e l’educazione ambientale.
 
Dopo la firma, FEE e Confagricoltura definiranno la tempistica di attuazione del programma, in base allo schema di azioni e di diffusione allegato al protocollo, attraverso il coinvolgimento delle Istituzioni nazionali e locali e degli operatori economici interessati, utilizzando tutti i canali di comunicazione.
 
La promozione del progetto in sede Istituzionale prevede il coinvolgimento delle Regioni, che contribuiranno a diffondere l’iniziativa per raccogliere le adesioni dei Comuni e delle associazioni di categoria.
 
Compito della FEE Italia sarà poi anche quello di presentare i risultati del progetto in sede internazionale, attraverso il network FEE, che conta oggi 67 Paesi membri nei cinque continenti, per esportarlo in altri Paesi che possano sperimentarlo e adottarlo, per renderlo, in ultima istanza, un nuovo progetto internazionale FEE.
 
*****
 
 
FEE - Foundation for Environmental Education (www.fee-international.org)
-          la FEE è un’organizzazione internazionale non governativa e no-profit, fondata nel 1981, con sede in Danimarca, che opera a livello mondiale attraverso proprie organizzazioni ed è attualmente presente in 67 Paesi;
 
-          la FEE da è impegnata da oltre 30 anni a sviluppare programmi volti alla crescita su scala globale della conoscenza e della responsabilità nei confronti dell’ambiente; obiettivo della FEE è fare in modo che le comunità locali crescano in armonia e nella piena valorizzazione del proprio territorio, elemento essenziale per garantire la conservazione delle risorse del pianeta e al tempo stesso una buona qualità di vita;
 
-          la FEE ha sottoscritto nel marzo 2003 un Protocollo d’Intesa di partnership globale con il Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP); nel febbraio del 2007 ha sottoscritto un Protocollo d’Intesa con l’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite (UNWTO), di cui è anche membro affiliato e, dopo una lunga collaborazione, nel 2010 la FEE ha formalizzato la sua partnership con l’UNESCO, di cui è “Partner Ufficiale ONG (status consultativo)”;
 
-          l’obiettivo principale dei programmi FEE è la diffusione delle buone pratiche per la sostenibilità ambientale, attraverso molteplici attività di educazione e formazione in particolare all’interno delle scuole di ogni ordine e grado, il programma Eco-Schools è il più importante al mondo nel suo genere e coinvolge oltre 18 milioni di studenti;
 
-          la FEE Italia (www.feeitalia.org), nata nel 1987, gestisce per l’Italia i programmi: Bandiera Blu, Eco-Schools, Young Reporters for the Environment e Green Key;
 
-          Bandiera Blu è uno dei Programmi più conosciuti della FEE, è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987, assegnato ogni anno in 67 Paesi al mondo, con il supporto e la partecipazione di UNEP e UNWTO;
 
-          Bandiera Blu è un eco-label volontario attribuito alle località turistiche balneari che rispettano rigorosi criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio. La valutazione delle candidature segue un complesso iter, implementato in 28 anni di applicazione, oggettivo e certificato UNI EN ISO 9001-2008.
 
 
Confagricoltura (www.confagricoltura.it)
-          Confagricoltura è l’organizzazione di rappresentanza e tutela dell’impresa agricola italiana. Riconosce nell'imprenditore agricolo il protagonista della produzione e persegue lo sviluppo economico, tecnologico e sociale dell'agricoltura e delle imprese agricole;
 
-          la presenza di Confagricoltura nel territorio nazionale si concretizza, in modo capillare, attraverso le   Federazioni regionali (19), le Unioni provinciali   (95), gli uffici di zona e le delegazioni comunali (2.143);
 
-          Confagricoltura considera la sostenibilità ambientale non solo uno degli elementi fondamentali per la qualità della vita nei territori rurali ma anche dello sviluppo sociale ed economico dei territori rurali, in particolare nelle aree interne del Paese;
 
-          nel campo della sostenibilità ambientale Confagricoltura ha sviluppato assieme alle imprese agricole associate il programma EcoCloud, dedicato alle buone pratiche sostenibili che le aziende aderenti al progetto confederale “Produttività e Sostenibilità delle imprese agricole” mettono in atto al loro interno attraverso buone pratiche legate alla sostenibilità in ambito economico, ambientale e sociale.