14.06.2017

Pac, Confagricoltura sulle decisioni del greening del Parlamento europeo

Nonostante un gran numero di voti a favore, il Parlamento europeo, nella “plenaria” di oggi, non ha espresso un parere contrario alla proposta regolamento della Commissione europea che prevedeva, tra le altre misure, il divieto di utilizzo di agrofarmaci sulle cosiddette “aree di interesse ecologico”.
 
Lo annota con rammarico Confagricoltura che aveva chiesto agli europarlamentari di votare contro la proposta della Commissione, sostenendo anche il parere della Commissione Agricoltura che già si era espressa contro un provvedimento che può limitare la produzione di proteine vegetali, di cui l’Europa ha fortemente bisogno.
 
Le “aree di interesse ecologico” – spiega Confagricoltura – sono il 5% delle superfici aziendali che gli imprenditori agricoli si impegnano a lasciare incolte o che destinano alla coltivazione, anche con colture azotofissatrici o colture intercalari di copertura (cover crops). E’ questo uno dei principali impegni degli agricoltori beneficiari dei pagamenti diretti della PAC nell’ambito del cosiddetto “greening” o “inverdimento”.
 
Confagricoltura ringrazia i 363 parlamentari europei, molti dei quali italiani, che hanno sostenuto il rigetto della proposta di regolamento della Commissione secondo gli auspici dell’Organizzazione. “Per appena 13 voti non si è espressa una maggioranza qualificata per il veto al provvedimento, ma c’è una maggioranza sostanziale di cui ci aspettiamo che la Commissione tenga conto”.