17.07.2018

Riforma della PAC e prospettive finanziarie dell’Unione europea al centro dell’incontro tra il presidente di Confagricoltura Giansanti e la presidente della FNSEA Lambert

Totale accordo a sostegno di un budget solido e invariato per la politica agricola post 2020 tra il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti e la presidente della Fnsea Christiane Lambert. E' quanto è emerso dall’ incontro a Parigi tra i due presidenti, che hanno discusso principalmente della riforma della Pac e delle prospettive finanziarie dell'Unione Europea.

"Una Pac che chiede maggiori sforzi agli agricoltori non può comportare riduzioni di bilancio”, hanno affermato Giansanti e Lambert, che hanno sostanzialmente condiviso la proposta di definire a livello comunitario una percentuale degli aiuti diretti destinati a misure ambientali.
In merito agli strumenti della “degressività” e del “plafonamento” degli aiuti, Confagricoltura ha illustrato e spiegato i motivi della propria contrarietà. A tale riguardo la Fnsea li ritiene poco compatibili con l'approccio economico che la PAC deve rispettare: “Una impostazione che andrebbe rafforzata, contemperando ovviamente gli obiettivi della tutela dell'ambiente e della fornitura di prodotti sani e di qualità”.

In quest'ottica, a parere delle due Organizzazioni agricole, elemento centrale e positivo è la conferma della possibilità di prevedere aiuti accoppiati per alcune filiere, per settori in difficoltà, o per le zone svantaggiate.
Confagricoltura e Fnsea hanno infine sottolineato il ruolo fondamentale della gestione dei rischi in agricoltura, auspicando l'introduzione di miglioramenti, a cominciare da un ripensamento dello strumento della riserva di crisi, senza escludere la costituzione di un fondo di riassicurazione Ue. 

Giansanti e Lambert si ritroveranno al Global Food Forum, che si svolgerà a Pavia il 17 e 18 settembre prossimi.