01.06.2019

Cavalieri del Lavoro, le congratulazioni del presidente di Confagricoltura Giansanti ai nuovi insigniti


Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha nominato venticinque nuovi Cavalieri del Lavoro che vanno ad aggiungersi agli altri 2.897 imprenditori insigniti del titolo dal 1901, anno di fondazione dell'Ordine al "Merito del Lavoro".
L’onorificenza viene conferita ogni anno in occasione della Festa della Repubblica, il 2 giugno, a chi si è distinto nei settori dell’agricoltura, dell’industria, del commercio e dell’attività creditizia e assicurativa.
Il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti si congratula con i venticinque nuovi Cavalieri e, in particolare, con chi opera nei comparti strettamente legati all’attività dell’Organizzazione degli imprenditori agricoli: Guido Maria Barilla, presidente dell’omonimo Gruppo e della Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition; Ugo Maria Brachetti Peretti, presidente del gruppo Api, attivo nel settore dei carburanti e dei servizi alla mobilità che recentemente ha avviato una rete di rifornimento di gas naturale e biometano; Giovanni Francesco Capua, presidente dell’omonima azienda calabrese attiva da cinque generazioni nella produzione di oli essenziali agrumari e, in particolare, dell’essenza di bergamotto; Riccardo Felicetti, AD del Pastificio Felicetti di Trento, specializzato nella produzione di pasta di alta qualità e della pasta biologica che esporta per il 70% in tutto il mondo; Francesco Pugliese, AD del Gruppo Conad, la più grande organizzazione cooperativa italiana di imprenditori indipendenti del commercio al dettaglio che, con le recenti acquisizioni, è diventato il primo player italiano della grande distribuzione; Aurelio Regina, presidente della Sisal Group, prima società italiana attiva nelle transazioni finanziarie, e impegnato anche nell’industria del tabacco con Manifatture Sigaro Toscano, che produce 212 milioni di sigari.
“Sono alcuni ambasciatori della nostra migliore imprenditorialità - commenta Giansanti – avendo contribuito in modo determinante, con le proprie aziende, alla crescita economica, all’innovazione e allo sviluppo sociale del nostro Paese”.