Dal territorio
Confagricoltura Forlì-Cesena-Rimini celebra i suoi 100 anni di storia
10.05.2019

Confagricoltura Forlì-Cesena-Rimini celebra i suoi 100 anni di storia

Cento gli anni di storia che Confagricoltura di Forlì-Cesena e di Rimini festeggia quest’anno. Per questo è stato pensato un calendario di iniziative che approfondiscano il ruolo dell’associazione di categoria con una prospettiva futura. 
Il primo degli appuntamenti è andato in scena oggi, venerdì 10 maggio, nella sala Zambelli della Camera di Commercio della Romagna (in Corso della Repubblica, 5 a Forlì). A fare gli onori di casa è stato Carlo Carli, presidente di Confagricoltura di Forlì-Cesena e di Rimini. A seguire sono intervenuti Giorgio Amadei, Professore emerito Facoltà di Agraria Università di Bologna e Massimiliano Giansanti, Presidente Confagricoltura.
Fra gli altri, oltre alle autorità civili, erano presenti Simona Caselli, assessore all’agricoltura della Regione Emilia-Romagna, Alberto Zambianchi, presidente Camera di Commercio della Romagna, Gualtiero Baraldi, professore merito dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroalimentari, Eugenia Bergamaschi, presidente regionale di Confagricoltura. 
Nel suo saluto iniziale Carlo Carli ha ribadito il senso di appartenenza ad una grande organizzazione sindacale come Confagricoltura: “L’orgoglio di essere Confagricoltura è rappresentato dal ruolo, sempre in prima linea, nella difesa delle imprese viste come proprietà. I nostri associati sono storicamente imprenditori e come tali si muovono nel modo di agire, di pensare, di essere. In questo sta il nostro senso di appartenenza, al fianco delle imprese. Confagricoltura inoltre rappresenta più del 50% della forza lavoro delegata. Siamo quindi leader tra le associazioni di categoria datoriali. Da sempre rivendichiamo i principi della liberà di impresa e della legalità di impresa”. 
Il professor Giorgio Amadei ha ribadito il ruolo cardine di Confagricoltura nei processi di innovazione e di rappresentanza per il paese e per il settore: “Il cuore imprenditoriale, ossia innovativo, del mondo agricolo ha avuto un forte sviluppo in questi anni. E questo spiega la considerazione sul valore del moderno comparto agro alimentare, che è diventato una parte importante e necessaria per l’equilibrio dell’economia. Questo significa che l’agricoltura va vista in altro modo. L’agricoltura è parte significativa della bilancia commerciale e rappresenta parte importante della new economy, ovvero economia moderna, che ha una funzione trainante dell’intera società. Il ruolo di Confagricoltura, storicamente e oggi, è stato è e sarà fondamentale”. 
Ruolo sottolineato con forza ancora una volta dal presidente nazionale Massimiliano Giansanti: “100 anni e non sentirli. L’agricoltura e Confagricoltura sono stati e sono centrali nell’economia. Una Confagricoltura e un’agricoltura in salute, anche se gli scenari sono profondamente cambiati in questi 100 anni. Guardiamo ora con coraggio alle sfide per i prossimi 100 anni per garantire un futuro roseo per i nostri imprenditori e per le aziende che rappresentiamo, perché oggi più che mai abbiamo necessità di sfidare il mercato globale ed è per questo che dobbiamo tutelare al meglio la nostra tradizione del grande made in Italy agroalimentare”.