11.01.2018

Trecento aziende associate chiedono la convocazione dell'assemblea dell'associazione allevatori di Cremona

In una lettera circostanziata, inviata ai commissari  dell’Associazione Provinciale Allevatori di Cremona, Claudio Destro e Davide Bottini, e per conoscenza alle amministrazioni vigilanti, 280 aziende associate hanno chiesto la convocazione con urgenza dell’assemblea dell’Associazione.
 
Gli allevatori cremonesi  lamentano il protrarsi del commissariamento istituito circa 9 mesi fa da parte dell’AIA, che viene rinnovato periodicamente senza prevedersi un ritorno alla gestione ordinaria in tempi definiti.
 
Alla luce delle più recenti notizie circolanti sulle iniziative e sull’operato del collegio commissariale - che non sembra aver fatto molto per il rilancio della struttura di proprietà degli allevatori cremonesi e che rischia quindi di disperdere in modo inaccettabile un rilevante patrimonio finanziario e di competenze al servizio degli allevamenti – i firmatari della richiesta, formulata nel rispetto di quanto previsto dall’articolo 18 dello statuto associativo, vogliono conoscere la natura e le motivazioni delle iniziative assunte, nonché l’evoluzione della situazione economico-finanziaria di APA nel periodo di commissariamento.
 
Ad avviso dei proponenti, che pretendono chiarezza e trasparenza gestionale, è necessario che l’assemblea dei soci sia doverosamente e compiutamente informata della natura dei provvedimenti adottati a completa tutela degli interessi dei soci, che l’organo commissariale non può, nello svolgimento delle funzioni, mettere in alcun caso a repentaglio.