Dal territorio
Uragano in Basso Polesine, aziende agricole: danni per diversi milioni alle strutture e alle coltivazioni
12.08.2017

Uragano in Basso Polesine, aziende agricole: danni per diversi milioni alle strutture e alle coltivazioni

“Da un sopralluogo con il direttore Massimo Chiarelli abbiamo riscontrato ingenti danni alle aziende agricole associate,  soprattutto nelle zone di Ariano Polesine, Taglio di Po, Porto Viro e Rosolina”: il presidente di Confagricoltura Stefano Casalini riferisce sulle conseguenze riportate a seguito dell’uragano che ieri ha colpito il Basso Polesine.
“I pioppeti per almeno il 50% presentano tronchi spezzati, il mais è quasi tutto allettato, magazzini e stalle sono stati letteralmente scoperchiati dal forte vento, ma pure le pareti sono state danneggiate, anche in strutture appena restaurate”.
“La stima dei danni è di qualche milione di euro da quantificare nei prossimi giorni, senza contare il prodotto in campo, al momento inutilizzabile” spiega Casalini. “Abbiamo consegnato agli agricoltori i modelli da inviare per la denuncia dei danni subiti alle strutture ad Avepa, l’agenzia veneta per i pagamenti, che inizierà le verifiche in azienda da martedì 16 agosto con i propri tecnici”.

L'associazione si impegna a essere vicina alle aziende fornendo tutto il supporto necessario per il superamento di questa grave situazione.
“Ci aspettiamo una particolare attenzione da parte della Regione Veneto - conclude il presidente di Confagricoltura Rovigo - con una celere delibera in soccorso della zona colpita, come pure specifiche e adeguate misure d’intervento nei prossimi Psr per una efficace e veloce ricostruzione delle strutture danneggiate”.