arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Comunicati

Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile

17 aprile 2024
Da sin.: Lorenzo Maria Donini, Michele Contel (Cluster Agrifood,) Alfredo Pratolongo (vicepresid. Agronetwok), Giulia Callini e Daniele Rossi di Agronetwork -  Comunicati | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana
Da sin.: Lorenzo Maria Donini, Michele Contel (Cluster Agrifood,) Alfredo Pratolongo (vicepresid. Agronetwok), Giulia Callini e Daniele Rossi di Agronetwork

Riportare al centro dell’attenzione il valore della moderazione a tutela del benessere e della salute: questo è l’obiettivo del documento scientifico “Effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile e in dosi moderate nell’ambito di uno stile di vita sano” presentato a Vinitaly, nello spazio di Confagricoltura, durante l’incontro promosso da Agronetwork e dal Cluster Nazionale Agrifood.

Il documento, frutto del confronto multidisciplinare tra qualificati scienziati di diversa formazione, raccoglie e articola le evidenze a favore del consumo moderato in parallelo ai fattori critici che possono avere effetti negativi sulla salute. Si tratta di una attenta valutazione scientifica degli aspetti nutrizionali e sociali che rendono un limitato consumo di vino parte integrante di un modello alimentare ispirato alla dieta mediterranea. In tale logica il documento dimostra come la moderazione sia propria dello stile di vita italiano, concorra allo sviluppo di scelte salutari e trovi nelle aziende del comparto vino, e della filiera delle bevande alcoliche, operatori sensibili e propensi ad accogliere i nuovi valori del consumo espressi in particolar modo dalle generazioni più giovani.

“In un contesto di crescente attenzione dei consumatori alla salute e all’adozione di stili di vita sostenibili, il consumo moderato di bevande alcoliche non dovrebbe essere demonizzato - ha dichiarato Lorenzo Maria Donini, professore ordinario Unità di Ricerca di Alimentazione e Nutrizione Umana del Dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università La Sapienza e coordinatore scientifico del documento -. La nostra è una riflessione documentata a più voci per una valutazione informata del consumo moderato di vino, che non trascuri gli aspetti critici e controversi della materia. “Il valore della moderazione”, continua Donini, “rappresenta una parte fondante del modello di consumo italiano, purché sempre associato con la dieta mediterranea, la conoscenza dei propri limiti e una valutazione adeguata dei profili di rischio individuale”.

“In questa logica la tesi oggi dominante per cui non esisterebbero soglie sicure di consumo di bevande alcoliche per la salute umana può essere rivista. Il potenziale di danno dell’etanolo presente nelle bevande alcoliche va giustamente ribadito - ha sottolineato Donini - tuttavia i contesti delle pratiche e lo stile di consumo moderato, da associare rigorosamente ai pasti, unito alle norme socio-culturali che ne censurano l’eccesso, sono tutti elementi che possono determinare un beneficio. Il beneficio, per rimanere tale, deve essere comunque sempre controllato e collegato alle proprie condizioni di salute e quindi ad una norma prudenziale”.

Per gli autori del documento: “il bere è una scelta che deve sempre ponderare aspetti di benessere soggettivo ed una attenta valutazione degli aspetti salutistici. Ovviamente il consumo eccedentario (binge drinking) è pericoloso e sempre negativo”.

Anche il presidente di Agronetwork Sara Farnetti, specialista in Medicina Interna e Fisiopatologia della Nutrizione e del Metabolismo, ribadisce che il consumo moderato del vino, associato ai pasti, può non risultare dannoso. E’ vero che l’etanolo assunto in dosi improprie risulta senz’altro nocivo tuttavia il vino, soprattutto il rosso, contiene anche numerosi catalizzatori biologici (come il ferro, lo zinco, il rame) e diverse sostanze preziose (antocianidine, resveratrolo, saponine, acido gallico, composti fenolici e altre sostanze con azione antiaggregante piastrinica). Ovviamente, in accordo con il documento presentato a Vinitaly, è necessario promuovere un sano stile di vita che preveda un limitato consumo delle bevande alcoliche. D’altronde l’Italia è tra i paesi che negli ultimi 30 anni hanno ridotto di più i consumi di bevande alcoliche, raggiungendo questo risultato senza politiche restrittive, ma favorendo i meccanismi di auto-regolazione, oltre che un approccio sensibile all’individuo, al suo stile di vita, all’integrazione del vino e di altre bevande in un comportamento alimentare equilibrato, che continui a raccontare in definitiva che gli italiani sanno “bere meglio”.

Le più lette

Vedi tutte
Il ministero della Salute incontra le rappresentanze dell'apicoltura italiana: "Confronto e concertazione per tutelare la piu' complessa filiera produttiva"
30 maggio 2024Comunicati
Il ministero della Salute incontra le rappresentanze dell'apicoltura italiana: "Confronto e concertazione per tutelare la piu' complessa filiera produttiva"
Bene i dazi straordinari sull'import di cereali dalla Russia
30 maggio 2024Comunicati
Bene i dazi straordinari sull'import di cereali dalla Russia
Rotundo a Casa Italia: “Agricoltura italiana sempre più virtuosa nella tutela della salute delle piante. Con l'innovazione, utilizzo intelligente degli agrofarmaci"
30 maggio 2024Dicono di noi
Rotundo a Casa Italia: “Agricoltura italiana sempre più virtuosa nella tutela della salute delle piante. Con l'innovazione, utilizzo intelligente degli agrofarmaci"
Su Italia Oggi il Manifesto di Confagricoltura in vista delle elezioni europee
29 maggio 2024Dicono di noi
Su Italia Oggi il Manifesto di Confagricoltura in vista delle elezioni europee
Confagricoltura, Giansanti presidente all’unanimità. “Ripartiamo dai nostri valori”. Eletta la giunta per il prossimo quadriennio
28 maggio 2024Comunicati
Confagricoltura, Giansanti presidente all’unanimità. “Ripartiamo dai nostri valori”. Eletta la giunta per il prossimo quadriennio
Confagricoltura e xFarm Technologies, con Hubfarm la digitalizzazione raggiungerà un terzo della superficie agricola nazionale
27 maggio 2024Comunicati
Confagricoltura e xFarm Technologies, con Hubfarm la digitalizzazione raggiungerà un terzo della superficie agricola nazionale
Un doppio evento per celebrare il grano e la sua filiera. Successo per l’iniziativa promossa da Confagricoltura e Festa della Mietitura
27 maggio 2024Dal Territorio
Un doppio evento per celebrare il grano e la sua filiera. Successo per l’iniziativa promossa da Confagricoltura e Festa della Mietitura
Il ruolo delle donne in agricoltura e le principali sfide del settore primario: l'intervista del direttore generale Barrile su Valore Donna
27 maggio 2024Dicono di noi
Il ruolo delle donne in agricoltura e le principali sfide del settore primario:  l'intervista del direttore generale Barrile su Valore Donna
In Confagricoltura la VII^ edizione del Premio Internazionale Ranieri Filo della Torre
24 maggio 2024Comunicati
In Confagricoltura la VII^ edizione del Premio Internazionale Ranieri Filo della Torre
Cos’è il Premierato e cosa prevede la riforma: Se ne parlerà il 27 maggio in Confagricoltura Siena
24 maggio 2024Dal Territorio
Cos’è il Premierato e cosa prevede la riforma: Se ne parlerà il 27 maggio in Confagricoltura Siena
Chiudi