arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Comunicati

Confagricoltura ai parlamentari europei: “Chiarezza in etichetta quando si parla di cibo. No a denominazioni ingannevoli”

12 settembre 2020
Confagricoltura ai parlamentari europei: “Chiarezza in etichetta quando si parla di cibo. No a denominazioni ingannevoli” -  Comunicati | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

Il Parlamento europeo intende modificare la norma che riguarda il divieto di utilizzare le stesse denominazioni di vendita delle carni per la commercializzazione di alimenti vegetariani e vegani. Divieto sancito da un emendamento, il n. 165, approvato dalla Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo nell’aprile 2019 con il parere sulla modifica del regolamento 1308/2013 sull'Organizzazione Comune dei Mercati agricoli.

L’emendamento era stato fortemente sostenuto da Confagricoltura, perché evita che il consumatore sia confuso, al momento dell’acquisto, da nomi e pubblicità ingannevoli.

Quando acquistiamo cibo, in questo caso carne - afferma Confagricoltura - dobbiamo essere certi di comprare ciò che risponde realmente alle nostre esigenze, affidandoci a informazioni corrette sulle caratteristiche del prodotto.

Pubblicità accattivanti e precise strategie di marketing, utilizzano sovente le stesse denominazioni di vendita delle carni (salame, cotoletta, bistecca, wurstel, hamburger, bresaola, etc.) per la commercializzazione di alimenti a base di proteine vegetali, presentando questi prodotti come del tutto simili a quelli di origine animale.

Ogni prodotto alimentare ha le sue proprietà e caratteristiche nutrizionali che dipendono dal tipo di ingredienti utilizzati. Per questo motivo, ad avviso di Confagricoltura, l'uso dello stesso termine per denominare prodotti appartenenti a categorie alimentari diverse deve essere evitato, al fine di poter permettere una corretta valutazione al momento dell’acquisto e garantire la piena trasparenza nei confronti dei consumatori.

L’invito di Confagricoltura agli europarlamentari è quindi di confermare l'emendamento originale, come adottato ad aprile 2019, senza compromessi, perché non si può derogare al diritto dei consumatori di ricevere informazioni chiare e trasparenti sulle caratteristiche e gli aspetti nutrizionali dei prodotti che acquistano.

Le più lette

Vedi tutte
Peste Suina Africana, più controlli e monitoraggio degli effetti sul mercato
Peste Suina Africana, più controlli e monitoraggio degli effetti sul mercato
11 settembre 2020Comunicati
Decreto Rilancio, Giansanti: "Estendere gli sgravi previdenziali ad altri comparti penalizzati dalla pandemia"
Decreto Rilancio, Giansanti: "Estendere gli sgravi previdenziali ad altri comparti penalizzati dalla pandemia"
16 settembre 2020Comunicati
Tabacco, Giansanti: "Impegnarsi per garantire un futuro socio economico certo all'intera filiera"
Tabacco, Giansanti: "Impegnarsi per garantire un futuro socio economico certo all'intera filiera"
10 settembre 2020Comunicati
Morìa del kiwi. Confagricoltura chiede sinergie per sconfiggere la misteriosa malattia
Morìa del kiwi. Confagricoltura chiede sinergie per sconfiggere la misteriosa malattia
14 settembre 2020Comunicati
Il calo dei prezzi del grano duro non è giustificato
Il calo dei prezzi del grano duro non è giustificato
17 settembre 2020Comunicati
Confagricoltura ai parlamentari europei: “Chiarezza in etichetta quando si parla di cibo. No a denominazioni ingannevoli”
Confagricoltura ai parlamentari europei: “Chiarezza in etichetta quando si parla di cibo. No a denominazioni ingannevoli”
12 settembre 2020Comunicati
Dal kiwi ai maiali, ecco le nuove pandemie della campagna - Richieste e proposte di Confagricoltura
Dal kiwi ai maiali, ecco le nuove pandemie della campagna - Richieste e proposte di Confagricoltura
15 settembre 2020Dicono di noi
DL Rilancio: Bene le misure per il credito e il taglio del costo del lavoro nei comparti in crisi
DL Rilancio: Bene le misure per il credito e il taglio del costo del lavoro nei comparti in crisi
06 luglio 2020Comunicati
UE-Regno Unito: senza un accordo si rischia il ritorno dei dazi e controlli alle frontiere
UE-Regno Unito: senza un accordo si rischia il ritorno dei dazi e controlli alle frontiere
09 settembre 2020Comunicati
Cibus, Giansanti: “Un forum permanente sull’agroalimentare per aumentare produzione e competitività”
Cibus, Giansanti: “Un forum permanente sull’agroalimentare per aumentare produzione e competitività”
03 settembre 2020Comunicati
Chiudi