arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Dal Territorio

Confagricoltura Puglia e Basilicata dicono no alla produzione del Primitivo in Sicilia

03 maggio 2020
Confagricoltura Puglia e Basilicata dicono no alla produzione del Primitivo in Sicilia -  Dal Territorio | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

“Permettere l’impianto dei vitigni e la produzione del Primitivo in Sicilia è un danno enorme per la Puglia e la Basilicata e un precedente pericoloso per tutto il Paese che va subito bloccato”. Confagricoltura Puglia e Confagricoltura Basilicata vanno in difesa di una delle produzioni d’eccellenza delle due regioni: il Primitivo. Il vino, apprezzato sulle tavole di tutto il mondo, ha la sua Doc nella zona di Manduria, Gioia del Colle e in Basilicata con il Primitivo doc Matera.

“È inammissibile – dicono i presidenti dell’Organizzazione degli agricoltori pugliesi Luca Lazzàro e il suo corrispettivo lucano, Francesco Paolo Battifarano – che questo progetto di snaturare le tipicità regionali vada avanti. L’enogastronomia italiana è amata in tutto il mondo perché ogni regione ha la sua tipicità, la sua tradizione. Se tutti producessero tutto sarebbe la fine di una peculiarità quasi esclusiva del nostro Paese”. “In caso non si riesca a bloccare il progetto – spiegano - servirebbe almeno limitarne l’uso in etichetta”.

Secondo una recente stima, quello del vino Primitivo, solo per la Doc Manduria, è un giro d’affari da 140 milioni di euro che, nell’anno 2019, ha visto imbottigliare quasi 17 milioni di litri per oltre 23 milioni di bottiglie. Un aumento di circa il 12% rispetto al 2018.

“L’Italia è un Paese in cui ogni regione, ma anche ogni suo territorio, ha un suo vino e una sua cucina – proseguono il presidente di Confagricoltura Puglia e di Confagricoltura Basilicata - Proprio per questo è meta turistica internazionale e i suoi prodotti tipici sono apprezzati in tutto il mondo”. Secondo quanto si è appreso, il percorso è partito nel 2003 dall’assessorato regionale all’Agricoltura con l’individuazione di 6 varietà di vite da vino (e tra queste il Primitivo) e con la successiva iscrizione nel Registro nazionale delle varietà di vite.
“Oggi – concludono - questo progetto, iniziato in sordina, sta per essere portato a termine. È bene che si discuta presto della questione in Parlamento e che il ministro delle Poltiche agricole dia risposte al mondo della filiera vitivinicola”. 

Le più lette

Vedi tutte
Piemonte, raggiunta l’intesa sulla distillazione di crisi. Confagricoltura: “I viticoltori potranno affrontare la vendemmia con maggior serenità”
14 luglio 2020Dal Territorio
Vino: E' on line il questionario di Confagricoltura sulle misure di promozione nei Paesi Terzi
Vino: E' on line il questionario di Confagricoltura sulle misure di promozione nei Paesi Terzi
10 luglio 2020Comunicati
Bando Confagricoltura e JTI Italia: 70 mila euro per finanziare progetti di agricoltura sociale e di valore
Bando Confagricoltura e JTI Italia: 70 mila euro per finanziare progetti di agricoltura sociale e di valore
09 luglio 2020Comunicati
Agrinsieme: Grano duro, con DM per ripartizione fondo finalmente risposte concrete al comparto
Agrinsieme: Grano duro, con DM per ripartizione fondo finalmente risposte concrete al comparto
09 luglio 2020Comunicati
Food&Made in Italy Summit, Giansanti: "Con il Covid l'agroalimentare italiano ha dimostrato la sua forza"
Food&Made in Italy Summit, Giansanti: "Con il Covid l'agroalimentare italiano ha dimostrato la sua forza"
09 luglio 2020Comunicati
Caccia, Confagricoltura Toscana: “Bene le modifiche alla legge, ma serve una veloce attuazione”
Caccia, Confagricoltura Toscana: “Bene le modifiche alla legge, ma serve una veloce attuazione”
09 luglio 2020Dal Territorio
NUOVI SCENARI E SFIDE PER IL FOOD IN ITALY – Live streaming – Giovedì 9 luglio, ore 10:00
NUOVI SCENARI E SFIDE PER IL FOOD IN ITALY – Live streaming –  Giovedì 9 luglio, ore 10:00
08 luglio 2020Notizie Brevi
Webinar su Europa, Falchi: Riforma Pac non è dogma. Adeguare le politiche ai cambiamenti
Webinar su Europa, Falchi: Riforma Pac non è dogma. Adeguare le politiche ai cambiamenti
08 luglio 2020Notizie Brevi
In Romagna boom di produzione di cereali: Il servizio su RaiNews24
In Romagna boom di produzione di cereali: Il servizio su RaiNews24
08 luglio 2020Dicono di noi
Bene l'obbligo di indicare in etichetta l'origine di prosciutti e salumi. Alziamo ora l'asticella alle DOP
Bene l'obbligo di indicare in etichetta l'origine di prosciutti e salumi. Alziamo ora l'asticella alle DOP
07 luglio 2020Comunicati
Chiudi