arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Dal Territorio

Coronavirus, Confagricoltura Puglia interviene al Tavolo “latte” della Regione

27 marzo 2020
Coronavirus, Confagricoltura Puglia interviene al Tavolo “latte” della Regione  -  Dal Territorio | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

La diffusione dell’emergenza del Coronavirus ha portato anche in Puglia una forte crisi nel comparto lattiero-caseario. Per questo la Regione ha convocato ieri in videoconferenza il “Tavolo latte”, al quale hanno preso parte il presidente di Confagricoltura regioanle, Luca Lazzàro, e il direttore Carlo Zambelli.
“Le aziende zootecniche sono oramai in forte difficoltà e il perdurare di questo stato di cose comporterà al settore conseguenze irreversibili”, ha detto Lazzàro durante l'incontro.
La Regione Puglia, dal suo canto, sta pensando a diversi strumenti per affrontare la crisi. L’obiettivo, ha detto il direttore del dipartimento Agricoltura della Regione Gianluca Nardone, “è quello di non buttare neanche una goccia di latte” e di “dare credito alle imprese”. Durante il Tavolo è emerso che la Regione rafforzerà le garanzie di portafoglio con 100 milioni di micro-prestiti fino a 40.000 euro ad azienda, a supporto di quanto previsto dal dl “Cura Italia”. Si sosterrà – è stato detto - lo stoccaggio utilizzando parte dei 50 milioni di euro del fondo indigenti per stoccare prodotti stagionati. La Garanzia del fondo per lo stoccaggio andrà a chi continua a ritirare latte e cagliata. Infine la Regione sta valutando un sostegno diretto agli allevatori.
Il comparto lattiero-caseario pugliese conta oltre 2mila aziende con vacche e bufale, circa 3mila con ovini e caprini da latte. La zootecnia in Puglia rappresenta una grande realtà economica con i suoi 3.500.000 quintali di latte bovino.
L'andamento delle quotazioni evidenzia oggi un calo significativo del prezzo del latte crudo nazionale spot che, rispetto all’anno passato, viene venduto a circa il 14% in meno.
“Da un lato – ha evidenziato Lazzaro durante l'incontro - assistiamo a un aumento della domanda su prodotti a lunga conservazione, come latte e prodotti UHT e «spray-dry», con relativo aumento dei prezzi. Dall’altro, si segnala una marcata riduzione della domanda sul mercato interno ed estero per prodotti lattiero-caseari freschi e di medio-lunga stagionatura”.
Le aziende agricole produttrici di latte segnalano un calo fino al 25-30% dei prezzi sul mercato interno, perdita alla quale contribuisce la forte competitività del prezzo del latte proveniente dal mercato estero.
“Tutto questo – ha evidenziato Lazzaro - comporta che le aziende sono spesso obbligate a sversare il prodotto invenduto, ritenendo tale pratica più conveniente rispetto alla limitazione, seppur temporanea, della produzione”.
Per il presidente di Confagricoltura Puglia è dunque necessario intervenire con misure “concrete per attutire i contraccolpi più critici della crisi in atto. Serve inoltre un’azione di coordinamento delle capacità e delle risorse produttive dell’intera filiera e il blocco delle importazioni di latte estero in Puglia fino al termine dell’emergenza Covid-19”.
Tra le altre soluzioni proposte da Confagricoltura: incentivi per la produzione ed il congelamento di cagliate e prodotti stagionati; lo stoccaggio, mediante la concessione di finanziamenti a fondo perduto per sostenerne i maggiori costi; incentivi per aumentare la produzione di latte UHT; interventi per sburocatizzare il settore; l'attivazione delle procedure di riconoscimento dello stato di crisi; la concessione di un indennizzo forfetario a copertura del calo del fatturato.

Le più lette

Vedi tutte
26 novembre Giornata internazionale dell'Ulivo
26 novembre Giornata internazionale dell'Ulivo
26 novembre 2020Notizie Brevi
26 novembre Giornata mondiale dell'olivo. Confagricoltura: sotto i riflettori il prodotto simbolo della dieta mediterranea. L'Italia dell'olio in affanno
26 novembre Giornata mondiale dell'olivo. Confagricoltura: sotto i riflettori il prodotto simbolo della dieta mediterranea. L'Italia dell'olio in affanno
25 novembre 2021Comunicati
Antitrust: Si rafforza la validità delle nostre posizioni a favore di una corretta informazione alimentare
Antitrust: Si rafforza la validità delle nostre posizioni a favore di una corretta informazione alimentare
23 novembre 2021Comunicati
Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Giansanti (Confagricoltura): "Di assoluto rilievo l'alleanza per sostenibilità ambientale e sovranità alimentare. Bene l'annuncio del tavolo Nutriscore"
Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Giansanti (Confagricoltura): "Di assoluto rilievo l'alleanza per sostenibilità ambientale e sovranità  alimentare. Bene l'annuncio del tavolo Nutriscore"
26 novembre 2021Comunicati
A Confagricoltura la vicepresidenza del Gruppo di Lavoro "Sviluppo Rurale" del Copa Cogeca
A Confagricoltura la vicepresidenza del Gruppo di Lavoro "Sviluppo Rurale" del Copa Cogeca
26 novembre 2021Comunicati
UE: Giusta la maggiore ambizione ambientale della nuova PAC. Ora concentrare le risorse sulle imprese professionali
UE: Giusta la maggiore ambizione ambientale della nuova PAC. Ora concentrare le risorse sulle imprese professionali
23 novembre 2021Comunicati
Impresa familiare Confagricoltura: Carlo Lasagna riconfermato presidente della FIIAF
Impresa familiare Confagricoltura: Carlo Lasagna riconfermato presidente della FIIAF
24 novembre 2021Comunicati
Deborah Piovan nuova presidente di Nogalba
Deborah Piovan nuova presidente di Nogalba
23 novembre 2021Dal Territorio
Legge di bilancio, le richieste di Confagricoltura: Lavoro, investimenti e credito per la tenuta delle imprese
Legge di bilancio, le richieste di Confagricoltura: Lavoro, investimenti e credito per la tenuta delle imprese
19 novembre 2021Comunicati
Foreste, Allasia: “Da Bruxelles ci aspettiamo maggiore attenzione per il settore”
Foreste, Allasia: “Da Bruxelles ci aspettiamo maggiore attenzione per il settore”
24 novembre 2021Comunicati
Chiudi