arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Dal Territorio

I florovivaisti bellunesi: servono aiuti per l’agricoltura di montagna

15 marzo 2024
I florovivaisti bellunesi: servono aiuti per l’agricoltura di montagna -  Dal Territorio | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

Un inverno lungo e piovoso, con costi sempre più alti. Non è un momento facile per i florovivaisti di montagna, alle prese con spese esorbitanti per gasolio, energia elettrica e gas. Inoltre, le piogge delle ultime settimane hanno influito sul lavoro, con vendite al di sotto dello standard stagionale.

“È primavera, ma le piogge e il clima freddo stanno tenendo lontano la clientela – sottolinea Francesco Montagnese, referente dei florovivaisti di Confagricoltura Belluno e titolare del vivaio Top Green di Feltre -. Noi siamo pronti con gerani, petunie, surfinie e tante piante da orto e aromatiche, ma in questo momento poco si muove. Il problema vero, però, sono i costi, che influiscono sempre di più sull’indotto. Dalle spese per l’energia a quelle per i trasporti, noi florovivaisti di montagna siamo svantaggiati rispetto ad altre regioni d’Italia, come quelle del Sud, che possono produrre a costi minori. Perciò, oltre a misure finalizzate alla crescita del settore, chiediamo politiche che vadano a sostenere specificatamente lo sviluppo del comparto agricolo montano. Ma bisogna che siano studiate per tutta la fascia che va dal Friuli alla Valle d’Aosta, perché i problemi sono uguali per tutti”.

La scorsa settimana il governo ha votato un Ddl florovivaismo, che punta a dare alla filiera un quadro normativo coerente e organico in materia di coltivazione, promozione, commercializzazione e incremento della qualità di un comparto che vale oltre 3 miliardi, conta 27 mila aziende e dà lavoro a 100mila addetti. “Tutto quello che si fa per il settore è positivo - commenta Montagnese -, ma il decreto-legge delega il governo ad adottare entro 24 mesi le disposizioni attuative. I tempi sono lunghi e di concreto c’è poco. Abbiamo bisogno, invece, di misure di sostegno rapide per un settore che ha problemi legati al rincaro delle fonti energetiche e alla contrazione del mercato: servono finanziamenti per compensare i rincari anche di sementi, concime e imballaggi, serve una promozione della cultura del verde e fondi per la ricerca. Bisogna tenere conto, inoltre, che in montagna facciamo un’agricoltura sostenibile rispetto ad altre zone, che va quindi premiata. Noi, ad esempio, abbiamo iniziato a fare la lotta biologica, con insetti utili, per la difesa delle piante ornamentali e da orto. In questo modo riduciamo dell’80 per cento i trattamenti chimici”.

Secondo i dati di Veneto Agricoltura, il numero delle aziende florovivaistiche in regione è in discesa. In provincia di Belluno i vivai sono 45, in lieve flessione, così come Padova (427 unità, -1,6%), Treviso (310 unità, -1,6%), Verona (213, -1,8%), Venezia (182, -3,7%) e Vicenza (117, -0,7%). Solo Rovigo (91 aziende) registra un lieve incremento. In calo anche la superficie florovivaistica, che viene stimata in circa 2.450 ettari (-1,8%). La produzione complessiva regionale è in leggero aumento a circa 1,96 miliardi di piante (+2%), dovuta principalmente all’incremento della produzione vivaistica (1,54 miliardi di piantine, +0,8%), che ne rappresenta sempre la quota preponderante (circa il 79%).

Le più lette

Vedi tutte
Il ministero della Salute incontra le rappresentanze dell'apicoltura italiana: "Confronto e concertazione per tutelare la piu' complessa filiera produttiva"
30 maggio 2024Comunicati
Il ministero della Salute incontra le rappresentanze dell'apicoltura italiana: "Confronto e concertazione per tutelare la piu' complessa filiera produttiva"
Bene i dazi straordinari sull'import di cereali dalla Russia
30 maggio 2024Comunicati
Bene i dazi straordinari sull'import di cereali dalla Russia
Rotundo a Casa Italia: “Agricoltura italiana sempre più virtuosa nella tutela della salute delle piante. Con l'innovazione, utilizzo intelligente degli agrofarmaci"
30 maggio 2024Dicono di noi
Rotundo a Casa Italia: “Agricoltura italiana sempre più virtuosa nella tutela della salute delle piante. Con l'innovazione, utilizzo intelligente degli agrofarmaci"
Su Italia Oggi il Manifesto di Confagricoltura in vista delle elezioni europee
29 maggio 2024Dicono di noi
Su Italia Oggi il Manifesto di Confagricoltura in vista delle elezioni europee
Confagricoltura, Giansanti presidente all’unanimità. “Ripartiamo dai nostri valori”. Eletta la giunta per il prossimo quadriennio
28 maggio 2024Comunicati
Confagricoltura, Giansanti presidente all’unanimità. “Ripartiamo dai nostri valori”. Eletta la giunta per il prossimo quadriennio
Confagricoltura e xFarm Technologies, con Hubfarm la digitalizzazione raggiungerà un terzo della superficie agricola nazionale
27 maggio 2024Comunicati
Confagricoltura e xFarm Technologies, con Hubfarm la digitalizzazione raggiungerà un terzo della superficie agricola nazionale
Un doppio evento per celebrare il grano e la sua filiera. Successo per l’iniziativa promossa da Confagricoltura e Festa della Mietitura
27 maggio 2024Dal Territorio
Un doppio evento per celebrare il grano e la sua filiera. Successo per l’iniziativa promossa da Confagricoltura e Festa della Mietitura
Il ruolo delle donne in agricoltura e le principali sfide del settore primario: l'intervista del direttore generale Barrile su Valore Donna
27 maggio 2024Dicono di noi
Il ruolo delle donne in agricoltura e le principali sfide del settore primario:  l'intervista del direttore generale Barrile su Valore Donna
In Confagricoltura la VII^ edizione del Premio Internazionale Ranieri Filo della Torre
24 maggio 2024Comunicati
In Confagricoltura la VII^ edizione del Premio Internazionale Ranieri Filo della Torre
Cos’è il Premierato e cosa prevede la riforma: Se ne parlerà il 27 maggio in Confagricoltura Siena
24 maggio 2024Dal Territorio
Cos’è il Premierato e cosa prevede la riforma: Se ne parlerà il 27 maggio in Confagricoltura Siena
Chiudi