arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

A scuola nella Fattoria del Legno per diventare provetti boscaioli e falegnami

13 luglio 2020
A scuola nella Fattoria del Legno per diventare provetti boscaioli e falegnami -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

In un’area pedemontana abbandonata a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso i boschi cedui considerati improduttivi rinascono, ricominciando a ripopolare i prati e a diffondersi un po’ ovunque. Inizia così la storia imprenditoriale di Andrea Zenari, che ha messo a frutto una laurea in Scienze forestali e un bagaglio di esperienze lavorative all’estero nel comparto del legno, in particolare nella certificazione di segherie, svolte per molti anni. “Ho iniziato con tre ettari in provincia di Vicenza, vicino al paese di Caltrano, a circa 500 metri di altitudine, lungo la strada silvo-pastorale che sale lungo l’Altopiano di Asiago. Ho avviato i corsi da fattoria didattica per la lavorazione del legno iscrivendomi nell’Albo della Regione Veneto. Si tratta di corsi per adulti che insegnano come si costruisce una baita o una casetta nel giardino. Spiego come lavorare il legno e produrre anche manufatti come tavoli e panche".

Questo bosco didattico, il primo in Veneto, che si chiama 'La Fattoria del Legno' e oggi si estende su sei ettari, si presta anche alla creazione di un agricampeggio. 

C’è il vantaggio di una logistica perfetta: due chilometri di distanza dal casello autostradale, a mezz’ora di autostrada da Vicenza, in una posizione facilmente raggiungibile da tutti, anche famiglie e scolaresche, assieme alla disponibilità di territorio abbandonato e selvaggio da valorizzare. L’offerta formativa sta attirando molto interesse da parte di ragazzi e amanti della campagna che vogliono avvicinarsi al mondo del legno o semplicemente conoscere il mondo rurale. Zenari apre ai suoi visitatori le porte dell’affascinate  mondo del legno offrendo percorsi tematici, attività pratiche da boscaioli e arboricoltori, o corsi per spiegare come lavorarlo. “Dispongo di una segheria mobile – sottolinea Zenari - che può essere trasportata a rimorchio da un furgone ed essere  utilizzata per tagliare i tronchi in tavolette e creare da queste basi diversi oggetti realizzando, ad esempio anche gli gnomi che vedono ornare le  malghe in Alto Adige. Ogni settimana organizzo corsi di motoseghe, soprattutto nel periodo autunnale e invernale”. L’azienda si trova in mezzo a boschi cedui, costituiti quindi da cardino, frassino e anche robinia, ma per lavorazione del legno si utilizzano generalmente l’abete e il larice  provenienti da materiale di recupero, come alberi tagliati nei giardini, nelle strade o che cadono naturalmente con le tempeste come quelli dell’uragano Vaia.

Per costruire le baite o altre strutture Zenari ha cercato anche di recuperare le diverse tecniche costruttive in uso sulle montagne. Il primo edificio costruito, dopo un anno e mezzo di attesa per le licenze, è stato una Blockhaus con travi squadrate con incastri agli angoli come le baite, che ha la caratteristica di avere una grandissima capacità di isolamento termico. 

Le più lette

Vedi tutte
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
17 aprile 2024Comunicati
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra la FCI e Agriturist
17 aprile 2024Comunicati
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra  la FCI e Agriturist
Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile
17 aprile 2024Comunicati
Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
17 aprile 2024Dicono di noi
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
17 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
16 aprile 2024Comunicati
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
16 aprile 2024Comunicati
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
16 aprile 2024Comunicati
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
16 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
Chiudi