arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

Dagli scarti di acciughe e di agrumi un concime a bassissimo costo

04 gennaio 2022
Dagli scarti di acciughe e di agrumi un concime a bassissimo costo -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

Il caro fertilizzanti di questi ultimi mesi rende la scoperta ancora più interessante: si chiama AnchoisFert ed è un nuovo fertilizzante organico estratto dagli scarti di lavorazione delle acciughe grazie al limonene contenuto nel cosiddetto 'pastazzo', ossia le bucce della trasformazione industriale degli agrumi. Lo ha scoperto un'equipe delI’Ismn (Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati) del CNR di Palermo, guidato da Rosaria Ciriminna e Mario Pagliaro, assieme ai ricercatori Adele Muscolo e Francesco Mauriello dell'Università di Reggio Calabria.

Il team ha messo a punto e testato questo prodotto che si è rivelato un potente fertilizzante praticamente "a costo zero". AnchoisFert viene infatti ottenuto lasciando asciugare gli scarti di lavorazione dei filetti di acciuga dopo averne estratto con il limonene, un olio ricchissimo di omega-3, acido oleico e vitamina D. Il solvente ricavato dalle arance è infatti in grado di estrarre il prezioso olio e di stabilizzare gli scarti di pesce dalla decomposizione.

Con una composizione ricchissima di azoto e carbonio in forma organica, ma anche di preziosi flavonoidi, magnesio, potassio, fosforo e zolfo, il nuovo fertilizzante si è rivelato molto più efficace dei fertilizzanti commerciali, sia chimici (Npk, il fertilizzante chimico più usato in agricoltura contenente azoto, fosforo e potassio) che organici (letame), nel promuovere la crescita della Cipolla rossa di Tropea.

Dopo aver pubblicato un primo studio il team ha pubblicato uno studio sulla fattibilità tecnico-economica del processo "circolare" di produzione del fertilizzante. Solo in Italia si producono ogni anno più di 5mila tonnellate di scarti dalle circa 10mila tonnellate di acciughe usate per la produzione di filetti salati sottolio. Nel Mediterraneo l'acciuga è pescata da tutti i Paesi che si affacciano sul mare e solo nell'area di Sciacca, principale porto di sbarco delle acciughe in Sicilia, sono 1.000 gli addetti alla pesca e alla lavorazione delle acciughe, che genera un giro d'affari di 30 milioni.

La scoperta chiude il ciclo materiale per la specie ittica più pescata al mondo e apre la strada alla produzione di un nuovo fertilizzante che troverà impiego nelle colture più redditizie.

Da sola, la cipolla rossa di Tropea genera in Calabria un fatturato superiore ai 25 milioni. (F.B.)

Le più lette

Vedi tutte
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
17 aprile 2024Comunicati
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra la FCI e Agriturist
17 aprile 2024Comunicati
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra  la FCI e Agriturist
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
17 aprile 2024Dicono di noi
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
17 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
16 aprile 2024Comunicati
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
16 aprile 2024Comunicati
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
16 aprile 2024Comunicati
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
16 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
Made in Italy, Giansanti: "Verso un nuovo record nell'agroalimentare"
15 aprile 2024Comunicati
Made in Italy, Giansanti: "Verso un nuovo record nell'agroalimentare"
Chiudi