arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

Bianco di Custoza, dai fondali marini ai mercati internazionali

02 aprile 2024
Una bottiglia di bianco di Custoza affinato nel mare della Croazia -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana
Una bottiglia di bianco di Custoza affinato nel mare della Croazia

L'articolo è pubblicato sul numero di marzo di Mondo Agricolo, la rivista di Confagricoltura

di Alessandra Porro

 

Custoza di Villa Medici, il bianco Doc della provincia di Verona affinato nel mare della Croazia. La scommessa (vinta) di Silvia Caprara

Affinare un vino Doc di alta qualità, come il Bianco di Custoza, sui fondali del mare è la scommessa dell’azienda vitivinicola di Sommacampagna, socia di Confagricoltura in provincia di Verona. Scommessa che oggi ha portato la titolare, l’imprenditrice Silvia Caprara, a lanciare sul mercato le prime mille bottiglie del suo Custoza Doc superiore, invecchiato nei fondali croati dell’Isola Pag, nella cantina subacquea Coral Wine, nata nel 2013.

Le bottiglie sono rimaste immerse per sei mesi ad una profondità di 15 metri e, grazie ad una combinazione di bassa luminosità, alta pressione e temperatura controllata, il loro contenuto è evoluto in modo sorprendente, svelando note uniche e distintive. “Un’esperienza entusiasmante”, la definisce Silvia Caprara, 27 anni e vicepresidente dei Giovani di Confagricoltura Verona. È lei l’anima più innovativa della storica cantina di Sommacampagna, condotta dal padre Luigi insieme alla mamma Paola.

L’azienda si estende su 34 ettari di vigneto nel teatro naturale delle colline moreniche del Garda accarezzate dalla brezza del lago, da cui vengono ricavati 23 tipi di vino. Fresca di laurea in ingegneria chimica, Silvia è ora una presenza costante in azienda e partecipa con energia positiva e grande curiosità a tutte le attività della cantina, preparandosi a costruire il futuro dell’azienda di famiglia, la cui tradizione vitivinicola risale agli inizi del ‘700. Il metodo di affinamento subacqeo, frutto di un mix intrigante tra l’arte del vino e il mistero del mare, sta catturando l’attenzione dei wine lovers e dell’alta ristorazione in tutto il mondo.

Le bottiglie “marinare” di Custoza Doc superiore hanno preso, infatti, la strada dei mercati internazionali, come Stati Uniti, Giappone e Corea, facendo lievitarne il valore anche economico, dal momento che l’affinamento in profondità richiede un grande lavoro manuale. “Il progetto - racconta Caprara - è partito da una fiera a Venezia, dove erano presenti alcuni componenti della Coral Wine, la cantina subacquea che in Italia ha il suo quartier generale ad Arzago d’Adda, in provincia di Bergamo. Hanno assaggiato il nostro bianco superiore, lo hanno molto apprezzato e ritenuto adatto al loro tipo di affinamento”. Da lì è nata la collaborazione.

Coral Wine ha acquistato una parte di bottiglie - prosegue l’imprenditrice - e dopo il procedimento marino, le hanno messe in vendita sui loro canali commerciali in tutto il mondo. Noi ne abbiamo tenuta una parte per il nostro punto vendita e le abbiamo proposte anche come regalo di Natale. Un’idea originale, che è stata molto apprezzata”. Ogni bottiglia viene messa in sicurezza in speciali ceste metalliche, capaci di contenerne 150, che vengono immerse da una piattaforma, in profondità, nel mare Adriatico. Le ceste hanno la funzione di evitare che le bottiglie si rompano o possano subire danni derivanti dalla pressione dell’acqua.

4

Per monitorare l’evoluzione organolettica del vino vengono effettuate periodiche immersioni di controllo da parte di operatori esperti. L’assenza di luce e ossigeno - oltre al leggero remouage, sollecitato dal movimento nelle profondità degli abissi - sono gli ingredienti magici che fanno evolvere il vino in modo sorprendente. Il gusto, il colore e l’aroma cambiano assumendo sfumature che, al palato, lo differenziano dal classico affinamento in cantina. Le bottiglie stesse diventano un’opera d’arte naturale unica, grazie all’azione della flora e della fauna marine sulle loro superfici, rievocando l’immagine di tesori sommersi provenienti da epoche lontane.

Il Custoza deposto in profondità riceve un affinamento accelerato. Il Doc superiore del 2021 si avvicina molto a quello delle normali bottiglie del 2017-2018, ma il gusto finale è più rotondo e morbido. Il vino diventa, insomma, più deciso e importante. “Come dice anche il Consorzio, il Custoza non è solo un vino da bere in annata - conclude Caprara -. Anzi. Si tratta di un prodotto che può dare il meglio di sé con il giusto affinamento, capace di conferirgli maggiore complessità. Siamo molto soddisfatti della strada intrapresa: attualmente produciamo 15.000 bottiglie di Doc superiore e l’anno prossimo ne affineremo in mare un numero maggiore”. Plaude al progetto Piergiovanni Ferrarese, presidente dei Giovani di Confagricoltura Verona: “Realtà ed esperienze come quella dell’azienda di Sommacampagna rappresentano l’essenza del percorso dei giovani dell’Organizzazione agricola, cioè il connubio perfetto tra tradizione e innovazione”.

 

LEGGI ANCHE | IL VINO DI SONIA SPADARO ALL'OMBRA DELL'ETNA

Le più lette

Vedi tutte
Il ministero della Salute incontra le rappresentanze dell'apicoltura italiana: "Confronto e concertazione per tutelare la piu' complessa filiera produttiva"
30 maggio 2024Comunicati
Il ministero della Salute incontra le rappresentanze dell'apicoltura italiana: "Confronto e concertazione per tutelare la piu' complessa filiera produttiva"
Bene i dazi straordinari sull'import di cereali dalla Russia
30 maggio 2024Comunicati
Bene i dazi straordinari sull'import di cereali dalla Russia
Rotundo a Casa Italia: “Agricoltura italiana sempre più virtuosa nella tutela della salute delle piante. Con l'innovazione, utilizzo intelligente degli agrofarmaci"
30 maggio 2024Dicono di noi
Rotundo a Casa Italia: “Agricoltura italiana sempre più virtuosa nella tutela della salute delle piante. Con l'innovazione, utilizzo intelligente degli agrofarmaci"
Su Italia Oggi il Manifesto di Confagricoltura in vista delle elezioni europee
29 maggio 2024Dicono di noi
Su Italia Oggi il Manifesto di Confagricoltura in vista delle elezioni europee
Confagricoltura, Giansanti presidente all’unanimità. “Ripartiamo dai nostri valori”. Eletta la giunta per il prossimo quadriennio
28 maggio 2024Comunicati
Confagricoltura, Giansanti presidente all’unanimità. “Ripartiamo dai nostri valori”. Eletta la giunta per il prossimo quadriennio
Confagricoltura e xFarm Technologies, con Hubfarm la digitalizzazione raggiungerà un terzo della superficie agricola nazionale
27 maggio 2024Comunicati
Confagricoltura e xFarm Technologies, con Hubfarm la digitalizzazione raggiungerà un terzo della superficie agricola nazionale
Un doppio evento per celebrare il grano e la sua filiera. Successo per l’iniziativa promossa da Confagricoltura e Festa della Mietitura
27 maggio 2024Dal Territorio
Un doppio evento per celebrare il grano e la sua filiera. Successo per l’iniziativa promossa da Confagricoltura e Festa della Mietitura
Il ruolo delle donne in agricoltura e le principali sfide del settore primario: l'intervista del direttore generale Barrile su Valore Donna
27 maggio 2024Dicono di noi
Il ruolo delle donne in agricoltura e le principali sfide del settore primario:  l'intervista del direttore generale Barrile su Valore Donna
In Confagricoltura la VII^ edizione del Premio Internazionale Ranieri Filo della Torre
24 maggio 2024Comunicati
In Confagricoltura la VII^ edizione del Premio Internazionale Ranieri Filo della Torre
Cos’è il Premierato e cosa prevede la riforma: Se ne parlerà il 27 maggio in Confagricoltura Siena
24 maggio 2024Dal Territorio
Cos’è il Premierato e cosa prevede la riforma: Se ne parlerà il 27 maggio in Confagricoltura Siena
Chiudi