arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

De Michelis, nuovo presidente della Federazione nazionale di prodotto: “Valorizziamo il florovivaismo made in Italy”

25 marzo 2021
Luca De Michelis -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana
Luca De Michelis

Luca De Michelis, 53 anni, agronomo, è il nuovo presidente della Federazione nazionale di Prodotto Florovivaismo di Confagricoltura. È imprenditore agricolo della Piana di Albenga dove conduce un’azienda di un ettaro e mezzo a produzione monovarietale di dipladenia. È anche presidente di Confagricoltura Liguria e di Confagricoltura Savona, nonché del Distretto florovivaistico ligure.

“Il comparto florovivaistico chiede da anni un Osservatorio per i dati statistici ed economici sulla produzione e sugli scambi import-export, anche in vista di un percorso di valorizzazione e promozione della qualità delle produzioni nazionali”. Così De Michelis, che valuta positivamente la creazione di un Ufficio statistico per la raccolta e l’analisi dei dati econo­mici del settore, comprese le importazioni ed esportazioni tra l’Unione europea e i paesi terzi. Lo prevede il disegno di legge sul florovivaismo “Disposizioni per la disciplina, la promozione e la valorizzazione delle attività del settore florovivaistico”, che ha ricevuto il via libera dalla Camera nel novembre scorso, ma deve essere ancora approvato in Senato. “Un disegno di legge - commenta  - “che può essere migliorato, ma va valutato positivamente per il giusto riconoscimento che finalmente viene dato al settore”.

E tra le novità in arrivo con la nuova legge, l’ufficio di statistica che raccoglie grandi consensi tra i florovivaisti: “Non essendo il comparto in grado di fornire dati organizzati – precisa De Michelis - è difficile fare promozione sul made in Italy e ad oggi nessun prodotto italiano è mai arrivato al riconoscimento Igp o Dop. L’ufficio statistico rappresenta quindi un passaggio fondamentale per valorizzare i prodotti italiani all’estero. La Liguria e la Toscana esportano quasi il 90% della produzione, in Sicilia c’è il più grande produttore europeo di crisantemi recisi, a Pistoia una grande tradizione vivaistica senza contare la notorietà   livello internazionale raggiunta dalle aziende italiane nella creazione e manutenzione del verde. Sono anche italiani i più grandi ibridatori europei di rose. Eppure siamo la Cenerentola dell’agricoltura per la promozione del florovivaismo made in Italy”.

Anche il sostegno alla ricerca per le innovazioni tecnologiche, indicato tra le priorità del disegno di legge sul florovivaismo, resta fondamentale per la creazione di novità varietali in grado di soddisfare la richiesta del mercato. “Il prodotto italiano - spiega De Michelis - si è già riqualificato in modo significativo sotto l’aspetto della sostenibilità ambientale legata all’innovazione tecnologica. In questo ambito siamo già arrivati al florovivaismo 5.0.  Dobbiamo però dare nuovo slancio anche alla ricerca di nuovi prodotti”.

Un’altra priorità per il florovivaismo è il miglioramento della logistica, altro passaggio fondamentale del disegno di legge sul settore: “Il trasporto avviene prevalentemente su gomma e – fa notare De Michelis –  mancano le infrastrutture, le piattaforme di raccolta e di smistamento. Un gap che mette in grande difficoltà la fase di distribuzione e commercializzazione dei prodotti”.

E qual è il bilancio dall’inizio della pandemia? “Da marzo dello scorso ad oggi – ha risposto De Michelis - il florovivaismo è stato duramente colpito soprattutto per quanto riguarda il comparto dei fiori recisi che non è stato possibile commercializzare nei primi mesi di chiusura totale. Appena i negozi al dettaglio e le attività di vendita sono ripartite, grazie anche all’intervento di Confagricoltura, sono ripresi anche gli acquisti, soprattutto dall’estero. Ad oggi permangono, soprattutto in Italia, le incertezze legate alle restrizioni prolungate per la pandemia. In compenso si è registrato un notevole incremento dell’e-commerce”.  (F. B.)

 

,

Le più lette

Vedi tutte
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
17 aprile 2024Comunicati
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra la FCI e Agriturist
17 aprile 2024Comunicati
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra  la FCI e Agriturist
Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile
17 aprile 2024Comunicati
Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
17 aprile 2024Dicono di noi
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
17 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
16 aprile 2024Comunicati
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
16 aprile 2024Comunicati
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
16 aprile 2024Comunicati
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
16 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
Chiudi