arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

Di Stefano (Rete Fattorie Sociali): Necessario un marchio dell’agricoltura sociale riconosciuto dal Masaf

06 febbraio 2023
A sin.: Di Stefano alla premiazione del bando
A sin.: Di Stefano alla premiazione del bando "Coltiviamo Agricoltura Sociale" lo scorso 24 gennaio

“Una rete nasce con lo scopo di valorizzare iniziative di agricoltura sociale e offre la possibilità a diversi interlocutori di conoscersi, incontrarsi e collaborare. Le iniziative di agricoltura sociale di maggiore impatto e incisività  sono proprio le iniziative di rete. Quelle che dimostrano in modo esemplare come proprio l’agricoltura che produce cibo per la collettività possa diventare anche momento di inclusione sociale”. Così Marco Berardo Di Stefano, presidente della Rete Fattorie Sociali, sottolinea il valore della solidarietà come impegno che coinvolge direttamente le aziende agricole, come è stato di ribadito anche nella cerimonia di premiazione dei vincitori del bando “Coltiviamo Agricoltura Sociale” il 24 gennaio scorso.

Le fattorie sociali in Italia sono circa 3500 in totale. In queste realtà - come spiega Di Stefano - le imprese agricole entrano in contatto e collaborano con le associazioni del territorio che si occupano a vario titolo di vittime di violenza e di soggetti fragili, mettendo a disposizione la ricchezza di un contesto naturale che offre la possibilità di avviare interventi che in altri contesti non sarebbero possibili, sia dal punto di vista dell'inserimento lavorativo, sia dal punto di vista terapeutico o riabilitativo.

“In questo percorso di eccellenza, anche durante la pandemia da Covid-19, le imprese che si occupano anche di agricoltura sociale – ha sottolineato il presidente della Rete Fattorie Sociali – hanno dato, proprio grazie alla loro distribuzione capillare su tutto il territorio nazionale, riscontri positivi anche laddove non era facile continuare a operare a causa delle fortissime restrizioni sanitarie. Anche in zone periferiche viene infatti offerta la possibilità di ricevere determinati servizi sociali e proprio in queste zone le aziende agricole svolgono una funzione di presidio territoriale importante”.

La Rete Fattorie Sociali sta lavorando da molti anni per fare in modo che venga riconosciuto il valore delle iniziative di agricoltura sociale, sostenendo che proprio le istituzioni sono le prime a trarre vantaggio da queste iniziative. “Ci sono dei bandi che finanziano iniziative di agricoltura sociale – sottolinea Di Stefano - Noi vorremmo che queste forme di sostegno diventassero sistematiche, che fossero legate a interventi strutturali come succede in altri Paesi europei. I servizi erogati, quindi, non dovrebbero essere supportati solo dai bandi ma in modo continuativo da convenzioni con le strutture pubbliche. Qualche convenzione già esiste, frutto di collaborazioni tra aziende agricole e istituzioni con risultati eccellenti, ma dovrebbero essere più diffuse”.

“Il nostro obiettivo è oggi quello di arrivare alla creazione di un marchio sull'agricoltura sociale che sia riconosciuto dal ministero dell'Agricoltura – ha concluso Marco Berardo Di Stefano - Occorre, infatti, fare in modo che i consumatori sappiano che il prodotto che acquistano deriva dall'agricoltura sociale, quindi da un impegno nel valore della solidarietà in grado di creare anche posti di lavoro.” (F.BA.)

Le più lette

Vedi tutte
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
17 aprile 2024Comunicati
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra la FCI e Agriturist
17 aprile 2024Comunicati
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra  la FCI e Agriturist
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
17 aprile 2024Dicono di noi
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
17 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
16 aprile 2024Comunicati
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
16 aprile 2024Comunicati
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
16 aprile 2024Comunicati
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
16 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
Made in Italy, Giansanti: "Verso un nuovo record nell'agroalimentare"
15 aprile 2024Comunicati
Made in Italy, Giansanti: "Verso un nuovo record nell'agroalimentare"
Chiudi