arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

EBAN: in arrivo il nuovo Rapporto dell’ Osservatorio Nazionale sul Lavoro Agricolo

26 agosto 2021
EBAN: in arrivo il nuovo Rapporto dell’ Osservatorio Nazionale sul Lavoro Agricolo -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

Prosegue anche quest’anno la collaborazione tra Eban  (l’Ente Bilaterale Agricolo Nazionale) e Nomisma per aggiornare i dati dell’Osservatorio Nazionale sul lavoro agricolo. La nuova edizione del Rapporto annuale, attesa nei primi mesi del 2022, consentirà di fare il punto sui numeri del lavoro dipendente in agricoltura e sulle tendenze emerse durante il primo anno della pandemia.

Secondo i dati del Rapporto annuale 2019, pubblicato nel marzo 2021, erano quasi 1,1 milioni (1.095.308) i dipendenti impiegati in agricoltura, in lieve decrescita rispetto al 2018 (1.114.982). E’ rimasta invece sempre stabile la prevalenza degli operai che anche nel 2019 hanno rappresentato il 97% dei dipendenti totali. La categoria degli impiegati, quadri e dirigenti  ha rappresentato solo il 3%. Questa composizione, stabile da oltre tre anni, è ormai diventata una caratteristica del lavoro in agricoltura e lo differenzia rispetto a quello di altri settori.   

Nel 2019 sono stati attivati complessivamente oltre 1,64 milioni di rapporto di lavoro (oltre 1,65 milioni nel 2018) con una prevalenza di manodopera impiegata a tempo determinato.  Ad assumere sono state 184.303  aziende agricole, il 26% di quelle attive iscritte alle Camere di commercio. Un dato che non è cambiato rispetto all’anno prima e rivela come circa i due terzi delle aziende agricole presenti in Italia sia senza dipendenti.

Tra i 38.324 lavoratori che risultavano assunti come impiegati,  quadri e dirigenti nel 2019 il 93% è rappresentato dagli impiegati, mentre dirigenti e quadri incidono per il 7% sul totale. Si conferma la tendenza di una concentrazione di questa categoria nel Nord del Paese (53%), contro il 21% del Centro e il 26% del Sud. Nel periodo 2014-19 impiegati, quadri e dirigenti impiegati in agricoltura sono aumentati del 7% e nell’ultimo anno si è registrata una moderata crescita (+1% nel 2019 rispetto al 2018).

In questa categoria di lavoratori è risultato prevalere il genere maschile (54%), sebbene la presenza femminile in agricoltura sia superiore rispetto a quanto si riscontra nella categoria. In termini di classe di età sono prevalentemente distribuiti nelle tre fasce «25-34» (25%), «35-44» (31%) e «45-54» anni (28%). Anche nel 2019 grazie all’elevata qualifica professionale la quota più rilevante  è stata assunta con un contratto tempo indeterminato (68%) ed è in prevalenza nazionalità italiana (la quota di stranieri è stabile nel tempo al 3%).

Passando agli operai nel 2019 in agricoltura risultavano 1.056.984 occupati, dei quali il 10% assunti a tempo indeterminato e il 90% a tempo determinato. In media le giornate lavorate dagli assunti a tempo determinato erano 263, contro le 90 degli assunti a tempo determinato (il 33% di essi lavora in agricoltura per meno di 50mgiornate annue).

Entrando nel dettaglio della tipologia gli operai a tempo determinato appartengono a fasce d’età più giovani (il 56% ha meno di 45 anni, contro il 41% di  quelli “fissi”) e sono prevalentemente di origine extra-Ue (rispettivamente 21% e 16%).

Poco più della metà degli operai risultavano impiegati nel Sud del paese (53%) che deteneva anche la quota più rilevante degli assunti  a tempo determinato (56%): questo è un altro elemento che caratterizza l’agricoltura rispetto agli altri settori dove, invece, questo tipo di lavoratori sono maggiormente presenti nel Centro-Nord.

Tra il 2009 e il 2019 il trend è positivo: sono aumentati del 3% gli operai e dell’8% le giornate lavorate. Sono diminuiti, però, i lavoratori fissi e le giornate lavorate, mentre gli operai a tempo determinato sono aumentati ed in particolare è cresciuto in maniera significativa il numero di giornate lavorate.

Tra il  2018 e il 2019 si è registrata un’inversione di tendenza tra fissi e a tempo determinato.  Nel 2019 si è registrato un calo del numero di operai (-1,9%) e sono aumentate le giornate lavorate (+1,3%) rispetto al 2018.

Le più lette

Vedi tutte
Taglia prezzi, Confagricoltura: buono l’impianto, senza proroga il gasolio agricolo
Taglia prezzi, Confagricoltura: buono l’impianto, senza proroga il gasolio agricolo
10 maggio 2022Comunicati
Techagriculture: Italia e Israele per l’agricoltura del futuro. Evento a Napoli il 17 maggio
Techagriculture: Italia e Israele per l’agricoltura del futuro. Evento a Napoli il 17 maggio
11 maggio 2022Comunicati
Il 12 maggio il webinar di Confagricoltura sulle Comunità Energetiche Rinnovabili e le prospettive per le imprese agricole
Il 12 maggio il webinar di Confagricoltura sulle Comunità Energetiche Rinnovabili e le prospettive per le imprese agricole
11 maggio 2022Notizie Brevi
Lavoro: serve un’alleanza territoriale contro l’illegalità
Lavoro: serve un’alleanza territoriale contro l’illegalità
13 maggio 2022Comunicati
La tecnologia applicata all’agricoltura, fondamentale leva di sviluppo: la dichiarazione di Giansanti al Tg1
La tecnologia applicata all’agricoltura, fondamentale leva di sviluppo: la dichiarazione di Giansanti al Tg1
17 maggio 2022Dicono di noi
Cereali, a Foggia il 18 maggio le prime previsioni sulla campagna di grano duro nel consueto appuntamento dei “Durum Days”
Cereali, a Foggia il 18 maggio le prime previsioni sulla campagna di grano duro nel consueto appuntamento dei “Durum Days”
12 maggio 2022Comunicati
Fidora (Confagricoltura) vicepresidente del gruppo di lavoro biologico Copa-Cogeca
Fidora (Confagricoltura) vicepresidente del gruppo di lavoro biologico Copa-Cogeca
12 maggio 2022Notizie Brevi
Agritech: una risposta alla crisi alimentare ed energetica
Agritech: una risposta alla crisi alimentare ed energetica
17 maggio 2022Comunicati
Caro energia: l’impatto sulla filiera agroalimentare nell’intervento di Giansanti a Sky Tg24 Economia
Caro energia: l’impatto sulla filiera agroalimentare nell’intervento di Giansanti a Sky Tg24 Economia
11 maggio 2022Dicono di noi
Conflitto russo-ucraino, le conseguenze sull’approvvigionamento di grano: ne parla il direttore generale di Confagricoltura Postorino a Tgcom24
Conflitto russo-ucraino, le conseguenze sull’approvvigionamento di grano: ne parla il direttore generale di Confagricoltura Postorino a Tgcom24
12 maggio 2022Dicono di noi
Chiudi