arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

Extravergine Dop Veneto Euganei e Berici dell'azienda Monte Sereo: un olio senza filtri

25 ottobre 2023
Extravergine Dop Veneto Euganei e Berici dell'azienda Monte Sereo: un olio senza filtri -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

L'articolo è disponibile sull'ultimo numero di Mondo Agricolo online

di Gabriella Bechi 

Siamo nella parte settentrionale del Parco Regionale dei Colli Euganei, sulla dorsale nordest del Monte Sereo a un’altitudine compresa fra i 60 e 85 metri, interamente circondata da boschi, da cui si gode un panorama unico, aperto sulla pianura veneta; sullo sfondo le Prealpi, oltre le quali emergono alcune tra le più note cime dolomitiche. Qui sorge l’azienda agricola Monte Sereo di Leonardo Granata.

Alle spalle una lunga storia familiare che comincia ai primi del ‘900, quando la proprietà fu comprata dal bisnonno, e che, attraverso varie vicissitudini, arriva fino agli anni ’90 quando Leonardo, docente universitario di Paleografia latina, grande studioso della storia dei manoscritti medioevali, insieme alla moglie Silvia, decise, dopo averla seguita fin da ragazzo, di acquistare una parte dell’azienda e di convertirla alla produzione di olio extravergine di oliva. Una decisione presa anche grazie agli incentivi messi a disposizione del Parco e della Regione Veneto per il rilancio di questa produzione dopo la famosa gelata del 1985. Ed è qui che egli vive, insieme alla moglie e ai due figli, alternando il lavoro in campagna con lo studio “radicato sul territorio più dei suoi stessi olivi”, come dicono scherzosamente i suoi amici.

La zona dei Colli Euganei, particolarmente vocata per la viticoltura, ma anche per olivicoltura, si caratterizza per una produzione di olio extravergine di oliva limitata, ma di altissima qualità e che può vantarsi della DOP Veneto - Euganei e Berici.

L’azienda Monte Sereo non fa eccezione: cinque gli ettari, quasi tutti coltivati ad oliveto (la parte restante della proprietà accoglie un frutteto, un piccolo orto, zone di prato e di bosco), 800 piante di olivo delle varietà tipiche dell’area dei Colli Euganei (Rasara, Leccino, Marzemino Pendolino), una produzione di 2.500 litri, commercializzati per lo più attraverso la vendita diretta, che ogni anno vanno in esaurimento. L’olio extravergine dell’azienda agricola Monte Sereo è ottenuto da olive raccolte con abbacchiatori elettrici su reti e portate a frangere entro 48 ore dalla raccolta in un vicino e rinomato frantoio. È un olio non filtrato, dal colore verde oro, dal profumo fragrante, fruttato di media intensità con leggero retrogusto di carciofo e di verde. L’analisi chimica conferma la sua pregiata qualità: alto contenuto di polifenoli, bassa acidità e percentuale di perossidi.

Due le tipologie: il monovarietale Grignano, cultivar di non alta resa e difficile da lavorare a causa della fragilità del legno e della veloce maturazione del frutto, ma dalle particolari caratteristiche organolettiche; e il Blend, ottenuto dalle cultivar prevalenti presenti nell’oliveto dell’azienda. Entrambi vantano numerosi premi e riconoscimenti. L’azienda è anche un agriturismo, realizzato in un’antica dimora rurale della fine del Settecento, censita fra gli edifici d’interesse tipologico e ambientale del Parco regionale dei Colli Euganei, un tempo casa colonica della vicina villa Barbarigo - Montesi (sec. XVII), ristrutturata in modo da conservare intatto il calore dei materiali locali di costruzione: i pavimenti in pietra del piano terra, i muri in scaglia rossa, la tipica pietra da costruzione di questa zona, il legno per travi e solai, il tetto con i coppi. Particolarmente curati sono gli interni, la scelta dell’arredamento e dei colori. Il riscaldamento è dato da un impianto a basso consumo energetico, abbinato a pannelli solari per la produzione di acqua calda e fotovoltaico per la produzione di energia elettrica. Quattro le camere da letto, per un totale di otto posti. Una clientela affezionata, turisti stranieri, ma anche italiani, che scelgono l’agriturismo Monte Sereo per la sua tranquillità, la lontananza da centri abitati, la mancanza di fonti di rumore e d’inquinamento che consentono la presenza di un grande numero di animali selvatici che arrivano fino in prossimità della casa; ma anche per la vicinanza alle città d’arte venete: Padova (km 20), Vicenza (km 25), Venezia (km 70), Verona (km 76), alle famose Ville Palladiane, alle rinomate terme euganee di Abano e Montegrotto e ai Golf Club di Frassanelle e della Montecchia.

Le più lette

Vedi tutte
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
17 aprile 2024Comunicati
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
17 aprile 2024Dicono di noi
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
17 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
16 aprile 2024Comunicati
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
16 aprile 2024Comunicati
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
16 aprile 2024Comunicati
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
16 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
Made in Italy, Giansanti: "Verso un nuovo record nell'agroalimentare"
15 aprile 2024Comunicati
Made in Italy, Giansanti: "Verso un nuovo record nell'agroalimentare"
Piattaforma ENAPAInforma, al via il primo corso di formazione
15 aprile 2024Dal Territorio
Piattaforma ENAPAInforma, al via il primo corso di formazione
Chiudi