arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Mondo Agricolo news

Il sogno europeo. L'editoriale del Presidente Giansanti

18 giugno 2021
Il sogno europeo. L'editoriale del Presidente Giansanti -  Mondo Agricolo news | Confederazione Generale dell'Agricoltura Italiana

Sono iniziati gli Europei di calcio e il sogno di tutti è arrivare alla finale e vincerla. Ma la vera partita da vincere è quella che riguarda il futuro dell’Europa. Non a caso poco più di un mese fa, il 9 maggio, ha avuto inizio la Conferenza sul futuro dell’Unione europea, un grande dibattito pubblico che dovrebbe coinvolgere tutti i cittadini, destinato a delineare i contorni di un’Europa più forte e più coesa, in grado di rispondere alle nuove sfide: crescita economica, occupazione, autosufficienza alimentare, emergenze sanitarie, lotta ai cambiamenti climatici, transizione energetica. Sono passati 64 anni da quel lontano 1957, quando con i Trattati di Roma prese corpo quello straordinario progetto di integrazione economica, politica, sociale e culturale sognato da Altiero Spinelli, insieme a Ernesto Rossi, nel Manifesto di Ventotene nel 1941.

Nella storia dell’Europa si sono alternati momenti di sviluppo e momenti di crisi, ma anche in quelli più difficili, come la recente pandemia causata dal Coronavirus, la risposta della Ue è stata forte, dando corpo e forza a quel sogno. La Pac, varata nel 1962, è parte integrante del grande progetto europeo, rappresentando l’anello di congiunzione tra agricoltura e società, tra l’Europa e i suoi agricoltori. È una politica economica, nata per sostenere gli agricoltori, migliorare la produttività agricola, garantire ai cittadini un approvvigionamento stabile di alimenti a prezzi accessibili, preservare le zone ed i paesaggi rurali, promuovere l’occupazione nel comparto agroalimentare, fornire un contribuito alla lotta ai cambiamenti climatici. E tale deve rimanere. Questo è il punto fermo dal quale non dovremmo mai discostarci nella trattativa in corso sulla nuova Pac, che dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2023.

Per questo, nonostante le difficoltà emerse con il recente rinvio del negoziato tra le istituzioni europee, riteniamo che un accordo sia ancora possibile e auspicabile. Ma non vogliamo un accordo a tutti i costi. Perché la politica agricola dell’Unione deve continuare a sostenere quel processo economico finalizzato a fornire ai consumatori cibo in quantità adeguate, sicuro e di altissima qualità.

È evidente che le imprese agricole sono di fronte ad una nuova sfida, che è quella di una maggiore sostenibilità ambientale, che significa salvaguardare i livelli di produzione riducendo la pressione sulle risorse naturali. Una sfida che sono pronte a raccogliere senza, però, nuovi e complessi adempimenti burocratici e soprattutto, con la garanzia di un’efficace tutela dei redditi di tutte le imprese, senza penalità in funzione della dimensione. Ricordando che la continuità dell’attività agricola è essenziale per la vitalità sociale ed economica delle zone rurali e delle aree interne, di cui proprio l’emergenza sanitaria ha mostrato l’importanza per uno sviluppo equilibrato dei Paesi. Anche dalla piena consapevolezza condivisa del ruolo dell’agricoltura in Europa potrà riprendere slancio il grande sogno europeo.

Massimiliano Giansanti

Le più lette

Vedi tutte
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
17 aprile 2024Comunicati
Crédit Agricole Italia prima banca ad operare con il Pegno Rotativo per il mondo del vino. Incontro organizzato da Crédit Agricole Italia e Confagricoltura nello spazio dell’Associazione a Vinitaly
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra la FCI e Agriturist
17 aprile 2024Comunicati
Cicloturismo: oggi in Confagricoltura siglata partnership tra  la FCI e Agriturist
Agronetwork e il Cluster nazionale Agrifood presentano a Vinitaly il Position paper sugli effetti dell’assunzione di vino in modo responsabile
17 aprile 2024Comunicati
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
17 aprile 2024Dicono di noi
Il ruolo della digitalizzazione nelle imprese agricole: il presidente Giansanti su Italia Oggi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
17 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Castellucci a Telepace: “Mondo del vino capace di reagire al complesso momento che sta vivendo”
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
16 aprile 2024Comunicati
Vino, consumi e mercati. Il confronto con Ismea e i Consorzi nello stand di Confagricoltura a Vinitaly
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
16 aprile 2024Comunicati
Bene lo sblocco del credito d'imposta per gli investimenti 4.0 effettuati tra il 2023 e il 2024. Si proceda subito con decreto attuativo
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
16 aprile 2024Comunicati
Agronetwork a Vinitaly con "Le bevande in Italia: tematiche e tendenze"
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
16 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly, Giansanti a RDS: “Momento importante per promuovere la grande distintività del vino italiano”
Chiudi