arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Notizie Brevi

Coronavirus, Confagricoltura: “Tiene l’export agroalimentare extra Ue, ma con sensibili differenze tra i prodotti”

18 maggio 2020

E’ un bilancio complessivamente confortante quello che risulta dall’analisi dell’ufficio studi di Confagricoltura, basata sui dati dell’Agenzia delle Dogane, sulle esportazioni italiane di prodotti agricoli e alimentari verso i Paesi Extra-UE, nel periodo gennaio-aprile 2020. Dal confronto dei valori delle esportazioni dei primi quattro mesi del 2019 e del 2020 (coincidenti con lo sviluppo della pandemia di Coronavirus) emerge, in generale, un andamento di crescita (+3,7%). Ma non per tutti i settori è andata allo stesso modo.  
 
Guardando alle diverse categorie di prodotti, gli incrementi più rilevanti riguardano gli ortaggi (+30%) e le carni (+25%); sono vicini al +15% prodotti da forno, frutta e ortaggi trasformati, salumi; bene anche olio d’oliva (+11%) e riso (+10%). Segnano invece sensibili flessioni: fiori e piante (-25%), paste alimentari (-14%), frutta (-9%), carni conservate (-8%). Nove delle quattordici categorie di prodotti esaminate hanno esportato di più nel 2020 e, di queste, sette presentano incrementi superiori al 10%. D’altra parte, delle cinque categorie di prodotti con valore dell’export in flessione, tre segnano andamento negativo superiore al 10%.
 
L’ufficio studi di Confagricoltura ha anche confrontato i dati 2019 e 2020 di ciascun mese del primo quadrimestre dell’anno. Vini e spumanti e formaggi e latticini hanno segnato una forte crescita in gennaio (+24% e +60%), seguita da andamenti negativi nei tre mesi seguenti. Comportamento opposto per i cereali e l’olio d’oliva. Per quanto riguarda le paste alimentari, dopo i primi tre mesi di forte crescita, in aprile hanno registrato una flessione del 48%.
 
Dati che consentono prime valutazioni dell’effetto della pandemia di Coronavirus sul settore, tenendo conto che il primo annuncio della pandemia è stato diffuso dalla Cina il 31 dicembre 2019 e che il 31 gennaio 2020 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l’emergenza internazionale, elevandola a rischio “molto alto” il successivo 28 febbraio.
 
La conclusione dell’ufficio studi di Confagricoltura è che siamo di fronte ad un contesto del tutto anomalo, in grande, costante, modificazione, dove, almeno per il momento, non è possibile reperire tendenze ragionevolmente consolidate.
 
Non sembra che si siano fin qui verificati significativi ostacoli al trasporto delle merci.
Appare comprensibile il dato molto positivo di gennaio (+24%) per vini e spumanti, seguito da quelli negativi dei tre mesi successivi, con la chiusura o la riduzione di frequentazione di ristoranti, bar e alberghi. Ugualmente spiegabile è la forte contrazione della domanda di fiori e piante, visto il carattere prevalentemente voluttuario di questi consumi in presenza di diffuse difficoltà economiche delle famiglie; e anche l’incremento della domanda di prodotti da forno (panetteria, pasticceria) per “confortare” il lungo tempo trascorso in casa per contenere i rischi di contagio. Ma è difficile dare una spiegazione, ad esempio, alla costante crescita delle esportazioni di ortaggi e all’altrettanto costante riduzione delle esportazione di frutta (due dei pochi settori che confermano l’andamento in tutti i quattro mesi presi in esame).
Confagricoltura ricorda che nel 2019 il valore delle esportazioni italiane dei settori agricolo e dell’industria alimentare è stato complessivamente di 44,6 miliardi di euro, di cui 6,8 miliardi di euro per i prodotti agricoli (15%) e 37,8 miliardi di euro per i prodotti dell’industria alimentare (85%). Le esportazioni verso i Paesi Extra-UE valgono 16,3 miliardi di euro pari al 37% del totale; il 91% del valore (14,9 miliardi di euro) si riferisce ai prodotti dell’industria alimentare, il restante 9% (1,4 miliardi di euro) ai prodotti agricoli. Il Paese Extra-UE principale acquirente dei prodotti agricoli italiani è la Svizzera (326 milioni, pari al 23,1% del totale), seguita a notevole distanza da Emirati Arabi Uniti (104, 7,3%) e Stati Uniti (101, 7,2%). Per quanto riguarda i prodotti dell’industria alimentare, primo acquirente sono gli Stati Uniti (4,55 miliardi pari al 30,6% del totale); seguono il Giappone (1,85, 12,4%) e la Svizzera (1,26, 8,5%).

Documentazione

Le più lette

Vedi tutte
Confagricoltura e Ismea a fianco delle imprese con un ciclo di seminari sul tema del credito
Confagricoltura e Ismea a fianco delle imprese con un ciclo di seminari sul tema del credito
04 agosto 2020Notizie Brevi
Bilancio UE, Giansanti agli europarlamentari italiani: “Indispensabile salvaguardare le risorse per l’agricoltura”
Bilancio UE, Giansanti agli europarlamentari italiani: “Indispensabile salvaguardare le risorse per l’agricoltura”
04 agosto 2020Comunicati
Giansanti “L’autunno caldo si combatte su due fronti: aiutare le famiglie e rafforzare le imprese”
Giansanti “L’autunno caldo si combatte su due fronti: aiutare le famiglie e rafforzare le imprese”
05 agosto 2020Comunicati
Covid 19, Giansanti (Confagricoltura): Bene il bonus per la ristorazione. La finalità è anche il sostegno all'agroalimentare
Covid 19, Giansanti (Confagricoltura): Bene il bonus per la ristorazione. La finalità è anche il sostegno all'agroalimentare
08 agosto 2020Comunicati
Accise alcol: nuove norme UE
Accise alcol: nuove norme UE
04 agosto 2020Notizie Brevi
Agrinsieme: Ricerca, piena disponibilità a lavorare con la comunità scientifica che si occupa di scienze agrarie; vanno superate incertezze e contraddizioni sulle nuove tecnologie
Agrinsieme: Ricerca, piena disponibilità a lavorare con la comunità scientifica che si occupa di scienze agrarie; vanno superate incertezze e contraddizioni sulle nuove tecnologie
05 agosto 2020Comunicati
Dalla Filiera grano duro-pasta di qualità nasce il sistema "Fruclass": I dati della campagna granaria 2020 validati e disponibili on line in tempo reale
Dalla Filiera grano duro-pasta di qualità nasce il sistema "Fruclass": I dati della campagna granaria 2020 validati e disponibili on line in tempo reale
31 luglio 2020Comunicati
Moria delle piante di kiwi a Latina. Confagricoltura chiede di attivare subito una task force
Moria delle piante di kiwi a Latina. Confagricoltura chiede di attivare subito una task force
30 luglio 2020Dal Territorio
Al via il corso per ottenere la qualifica di operatore agrituristico. Percorso formativo dal 3 al 15 settembre
Al via il corso per ottenere la qualifica di operatore agrituristico. Percorso formativo dal 3 al 15 settembre
29 luglio 2020Dal Territorio
Agroalimentare, Confagricoltura: “Sì a Consulta permanente sui mercati all’ingrosso per visione condivisa di sviluppo”
Agroalimentare, Confagricoltura: “Sì a Consulta permanente sui mercati all’ingrosso per visione condivisa di sviluppo”
03 agosto 2020Comunicati
Chiudi