arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
News

Indicazioni Geografiche, cosa prevede la riforma approdata in Europarlamento

05 gennaio 2023
Indicazioni Geografiche, cosa prevede la riforma approdata in Europarlamento - News | Confagricoltura

L'articolo è disponibile sull'ultimo numero di Mondo Agricolo, cartaceo e on line

di Giulia Milani

(Sicurezza alimentare, politiche di qualità, biotecnologie - Area sviluppo sostenibile e innovazione) 

 

La Commissione europea ha recentemente elaborato la proposta per un unico regolamento sulle Indicazioni Geografiche che coinvolge il vino, le bevande spiritose e i prodotti agroalimentari. Il testo, che adesso approda in Parlamento e Consiglio europeo, armonizza le procedure di registrazione e gestione delle Ig, potenzia la tutela dei prodotti e rafforza la posizione sia dei singoli produttori, sia dei gruppi, definiti “associazioni di produttori”. La riforma riguarda anche le norme sulle Stg, chiarendone

in particolare la definizione, e i “prodotti di montagna”. Per quanto riguarda le disposizioni di gestione delle denominazioni del vino, è positiva l’intenzione di armonizzarle con quelle dei prodotti agricoli e delle bevande spiritose, ma il testo dovrebbe rimanere nel regolamento Ue 1308/2013 consolidato per garantire la coerenza di tutte le disposizioni relative alla gestione del vino.

Il ruolo dell’Euipo l’Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà Intellettuale è un’agenzia specializzata in diritti di proprietà intellettuale, ma non ha le competenze tecniche necessarie per analizzare e valutare i dossier dei prodotti ad indicazione geografica. Per questa ragione, le attività da affidare all’Euipo dovrebbero essere definite nel regolamento di base e limitate ad attività amministrative, di protezione delle Ig, anche su Internet, e di gestione del registro di questi prodotti. Invece, le valutazioni e le decisioni relative alle domande di registrazione, alle procedure di opposizione e violazione, alle modifiche dei disciplinari e alla cancellazione, dovrebbero rimanere esclusivamente di competenza della direzione generale dell’Agricoltura (Dg Agri) della Commissione Europea. Il coinvolgimento dell’Euipo, limitatamente ai compiti sopra descritti, andrebbe ad alleggerire la Dg Agri di alcune attività, contribuendo ad abbreviare i tempi medi di approvazione di una Ig, che oggi possono arrivare anche ad un anno. Una questione ormai da risolvere con urgenza. Per riuscire a ridurre concretamente le tempistiche, una buona soluzione è l’introduzione nella proposta di una doppia procedura di gestione delle modifiche dei disciplinari.

In questo modo, le modifiche ordinarie verrebbero trattate a livello nazionale, mentre le “modifiche dell’Unione” sarebbero affrontate a livello europeo.

Le associazioni di produttori

La proposta di regolamento sulle Indicazioni Geografiche mira al rafforzamento dei poteri e delle responsabilità di tutela, valorizzazione e promozione dei prodotti, attribuiti alle associazioni di produttori. In tale contesto le associazioni di produttori vengono distinte in “associazioni di produttori” e “associazioni di produttori riconosciute”, che corrispondono ai consorzi. In questo contesto, è necessario garantire il coinvolgimento dei produttori primari nelle “associazioni di produttori riconosciute” dei prodotti IG trasformati, oltreché non trasformati, in quanto solo i “produttori del prodotto” possono costituire un’associazione riconosciuta e per i prodotti trasformati sono i trasformatori.

Inoltre, importante è l’inserimento nella proposta, tra i poteri e le responsabilità attribuiti alle associazioni di produttori riconosciute, di poter “raccomandare - si legge nel testo - alle autorità nazionali norme vincolanti da adottare in conformità dell’articolo 166 bis del regolamento (UE) n. 1308/2013 per la regolazione dell’offerta di prodotti designati da un’indicazione geografica”.

Gli impegni di sostenibilità

Altra novità riguarda l’introduzione di “impegni di sostenibilità” da inserire nel disciplinare e che un’associazione di produttori può concordare “(…) Tali impegni - continua il regolamento - hanno lo scopo di applicare una norma di sostenibilità più rigorosa di quella prescritta dal diritto dell’Unione o nazionale e, per molti aspetti, di andare oltre le buone pratiche in termini di impegni sociali, ambientali o economici (…)”. Le norme di sostenibilità non dovrebbero essere legate alle Ig, ma dovrebbero valere per specifiche produzioni a prescindere dal legame con il territorio.

Tuttavia, se gli impegni di sostenibilità dovessero rimanere nel testo definitivo, dovrebbero essere adottati su base volontaria anche rispetto alla decisione di ogni singolo produttore. Inoltre, questi impegni dovrebbero essere contenuti in un documento separato dal disciplinare, lasciando in vigore le attuali norme di sostenibilità.

Le nuove forme di protezione

Molto positiva è l’introduzione nella proposta di nuovi elementi per la protezione delle Ig, soprattutto su Internet, quali: l’estensione della protezione delle Ig ai nomi di dominio, la maggiore protezione in particolare per quanto riguarda la vendita tramite piattaforme online (e-commerce); nonché la protezione delle Ig utilizzate come ingrediente nei prodotti trasformati e l’introduzione di certificati per i produttori di prodotti Ig.

Le più lette

Vedi tutte
UE, Giansanti: "Bene presa di posizione dei capi di Stato e di governo su agricoltura, ma è indispensabile un cambiamento radicale e urgente della PAC"
19 aprile 2024Comunicati
UE, Giansanti: "Bene presa di posizione dei capi di Stato e di governo su agricoltura, ma è indispensabile un cambiamento radicale e urgente della PAC"
Confagricoltura Donna Puglia: sabato a Castellaneta la presentazione del libro 'Le grandi chef in una ricetta'
19 aprile 2024Dal Territorio
Confagricoltura Donna Puglia: sabato a Castellaneta la presentazione del libro 'Le grandi chef in una ricetta'
Food&Science Festival: presentato il programma dell'ottava edizione (Mantova, 17-19 maggio 2024)
19 aprile 2024Dal Territorio
Food&Science Festival: presentato il programma dell'ottava edizione (Mantova, 17-19 maggio 2024)
Giansanti sul Sole 24 Ore: Le politiche agricole europee dovrebbero imparare dal pragmatismo USA
19 aprile 2024Dicono di noi
Giansanti sul Sole 24 Ore: Le politiche agricole europee dovrebbero imparare dal pragmatismo USA
PSA, situazione sempre più allarmante per gli allevamenti italiani e la produzione di salumi. Rudy Milani a Radio 24
19 aprile 2024Dicono di noi
PSA, situazione sempre più allarmante per gli allevamenti italiani e la produzione di salumi. Rudy Milani a Radio 24
Vinitaly 2024: a Tg 2 Eat Parade il presidente Giansanti sulle dinamiche di mercato del comparto vitivinicolo
19 aprile 2024Dicono di noi
Vinitaly 2024: a Tg 2 Eat Parade il presidente Giansanti sulle dinamiche di mercato del comparto vitivinicolo
Confagricoltura Donna presenta alla Camera un progetto con le grandi Chef per valorizzare i prodotti dei territori
18 aprile 2024Comunicati
Confagricoltura Donna presenta alla Camera un progetto con le grandi Chef per valorizzare i prodotti dei territori
Crediti d'imposta investimenti 4.0, Confagricoltura soddisfatta per l'impegno del ministro Urso ad emanare il decreto attuativo entro la prossima settimana
18 aprile 2024Comunicati
Crediti d'imposta investimenti 4.0, Confagricoltura soddisfatta per l'impegno del ministro Urso ad emanare il decreto attuativo entro la prossima settimana
Marco Caprai a Rainews 24 racconta la storia dell'azienda di famiglia, impegnata anche nel sociale
18 aprile 2024Dicono di noi
Marco Caprai a Rainews 24 racconta la storia dell'azienda di famiglia, impegnata anche nel sociale
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
17 aprile 2024Comunicati
Investire nel verde pubblico per affrontare i cambiamenti climatici: una priorità per l’Italia
Chiudi