arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twitter-colorsocial-twittersocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
Notizie dal Mondo

Contrazione della produzione mondiale del vino

17 novembre 2021
Contrazione della produzione mondiale del vino  - Notizie dal Mondo | Confagricoltura

Secondo le prime stime dell'Organizzazione internazionale del vino (OIV) le gelate primaverili e altri fenomeni meteorologici hanno influito in modo significativo sulla produzione dei tre principali Paesi produttori: Italia, Francia e Spagna. I volumi previsti per il 2021 saranno, infatti, sotto la media per il terzo anno consecutivo. La produzione dovrebbe essere allo stesso livello, molto basso, del 2017, intorno ai 250 milioni di ettolitri.

Si tratta del 4% in meno rispetto al 2020 e del 7% in meno rispetto alla media registrata in vent'anni. Complessivamente Italia, Spagna e Francia, che totalizzano quasi metà dei volumi mondiali, rispetto al 2020 hanno perso 22 milioni di ettolitri. Gli unici grandi Paesi vitivinicoli europei che hanno fatto meglio dell'anno scorso sono Germania, Portogallo, Ungheria e Romania dove le vendemmie sono state abbondanti (+ 37%).

Nonostante i venti contrari e un calo della produzione di vino del 9%, l'Italia mantiene la leadership mondiale in termini di volume. Seconda la Spagna, mentre al terzo posto è retrocessa la Francia che dopo le gelate primaverili, ha sofferto piogge estive, grandinate e un'offensiva molto marcata di peronospera. Sono in calo anche Austria, Grecia ed ex Jugoslavia.

Con tendenza opposta le previsioni per il primo raccolto negli Stati Uniti che suggeriscono volumi superiori al 2020 nonostante gli incendi boschivi che hanno devastato la California e per l'emisfero australe che sembra poter vantare livelli di produzione record in sud America (Cile, Argentina, Brasile) ed in Australia (+ 30%), ma non in Nuova Zelanda (-19%). 

Fonte: Les Echos tramite Agra press

Le più lette

Vedi tutte
Gasolio agricolo, la Regione Sicilia accoglie le richieste di Confagricoltura: si continua con le procedure cartacee in attesa del sistema digitale
Gasolio agricolo, la Regione Sicilia accoglie le richieste di Confagricoltura: si continua con le procedure cartacee in attesa del sistema digitale
05 gennaio 2022Dal Territorio
Peste suina: Bene l’ordinanza a tutela del patrimonio suinicolo nazionale
Peste suina: Bene l’ordinanza a tutela del patrimonio suinicolo nazionale
14 gennaio 2022Comunicati
Peste suina, Confagricoltura: Necessario salvaguardare allevamenti e filiera
Peste suina, Confagricoltura: Necessario salvaguardare allevamenti e filiera
12 gennaio 2022Comunicati
Caro energia: Ridotti i cicli di lavorazione agroalimentare. Senza un intervento straordinario, a rischio la tenuta della filiera.
Caro energia: Ridotti i cicli di lavorazione agroalimentare. Senza un intervento straordinario, a rischio la tenuta della filiera.
18 gennaio 2022Comunicati
Lavoro: garantire futuro e occupazione alla filiera tabacchicola
Lavoro: garantire futuro e occupazione alla filiera tabacchicola
18 gennaio 2022Comunicati
Servizio civile, ENAPA: Ancora pochi giorni per candidarsi
Servizio civile, ENAPA: Ancora pochi giorni per candidarsi
14 gennaio 2022Comunicati
Peste suina africana, Radio Rai Uno intervista il direttore generale di Confagricoltura, Francesco Postorino
Peste suina africana, Radio Rai Uno intervista il direttore generale di Confagricoltura, Francesco Postorino
14 gennaio 2022Dicono di noi
Officinali, Agrinsieme: bene il decreto, ma si è persa un’occasione per la canapa
Officinali, Agrinsieme: bene il decreto, ma si è persa un’occasione per la canapa
13 gennaio 2022Comunicati
Etichette nutrizionali: Il presidente Giansanti interviene a RAI TGR RegionEuropa
Etichette nutrizionali: Il presidente Giansanti interviene a RAI TGR RegionEuropa
17 gennaio 2022Dicono di noi
Caro energia: Aumenti insostenibili. Intervenire a sostegno delle imprese e accelerare sulle rinnovabili
Caro energia: Aumenti insostenibili. Intervenire a sostegno delle imprese e accelerare sulle rinnovabili
20 gennaio 2022Comunicati
Chiudi