arrow-leftarrow-rightclosedownload-filedownloadico-playinfolinklogo-anniversario_negativelogo-confagricolturalogo-confagricoltura_negativeplaysearchsocial-facebook-colorsocial-facebooksocial-instagram-colorsocial-instagramsocial-linkedin-colorsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-x-colorsocial-xsocial-youtube-colorsocial-youtubeuser
News

Demografia e cambiamenti climatici: un nuovo rapporto mostra uno squilibrio tra la crescita della popolazione e i livelli di emissioni di gas a effetto serra

06 giugno 2023
Demografia e cambiamenti climatici: un nuovo rapporto mostra uno squilibrio tra la crescita della popolazione e i livelli di emissioni di gas a effetto serra  | Confagricoltura Bruxelles

Il Joint Research Centre (JRC) 

della Commissione ha pubblicato oggi un nuovo rapporto intitolato "Demografia e cambiamenti climatici - L'UE nel contesto globale".

Il rapporto mostra che la crescita demografica rimane uno dei principali motori delle emissioni. Allo stesso tempo, esiste uno squilibrio tra i tassi di crescita della popolazione e i livelli di emissioni di gas serra nei vari Paesi. I principali responsabili delle emissioni sono le regioni in cui la crescita della popolazione si è già fermata o ha rallentato. Nel frattempo, la maggior parte della crescita della popolazione globale sta avvenendo nelle regioni del mondo che attualmente hanno le emissioni più basse e che sono le meno responsabili delle emissioni passate. Ciò significa che i principali emettitori dovranno garantire tagli profondi e rapidi alle emissioni, mentre i Paesi con basse emissioni ma con un'elevata crescita demografica dovranno trovare (con il sostegno) modalità di crescita che evitino forti aumenti delle emissioni.

Il rapporto sottolinea inoltre la necessità di politiche che tengano conto delle sfide e delle soluzioni per i diversi gruppi di popolazione e di età, come gli anziani e le persone a basso reddito. Il rapporto propone modi per mitigare l'impatto sui gruppi demografici vulnerabili e contribuire a creare misure di adattamento a questi cambiamenti, in linea con la strategia dell'UE sull'adattamento ai cambiamenti climatici.

La vicepresidente per la Democrazia e la Demografia, Dubravka Šuica, intervenuta all'evento di lancio presso il CCR di Ispra (Italia), ha dichiarato: "Per elaborare politiche efficaci in materia di clima e ambiente, è importante capire come l'evoluzione demografica influisca sulle emissioni e come i cambiamenti climatici e il degrado ambientale incidano sui diversi gruppi di popolazione". Il rapporto del CCR fornisce preziose indicazioni su questa relazione reciproca tra popolazioni umane e cambiamenti climatici e contribuirà a garantire che le nostre politiche siano ben concepite per affrontare la mitigazione e l'adattamento al clima".

Il rapporto fa parte degli sforzi della Commissione per integrare le conoscenze demografiche nella definizione delle politiche dell'UE. Fornisce prove scientifiche sulle implicazioni della crescita demografica globale per le emissioni ed esplora le possibili conseguenze dell'invecchiamento della popolazione in Europa per gli obiettivi climatici dell'UE.

FONTE: COMMISSIONE EUROPEA

Le più lette

Vedi tutte
Aree interne, FIIAF e La Sapienza insieme per lo sviluppo e la valorizzazione. Al via i corsi per Manager d'area
19 giugno 2024Comunicati
Aree interne, FIIAF e La Sapienza insieme per lo sviluppo e la valorizzazione. Al via i corsi per Manager d'area
Riforma fiscale e attività agricole innovative: Il ministro Lollobrigida e il viceministro Leo incontrano le imprese di Confagricoltura
19 giugno 2024Comunicati
Riforma fiscale e attività agricole innovative: Il ministro Lollobrigida e il viceministro Leo incontrano le imprese di Confagricoltura
Agricoltore custode del territorio: se ne parla in Confagricoltura Siena il 20 giugno alle 9.30
19 giugno 2024Dal Territorio
Agricoltore custode del territorio: se ne parla in Confagricoltura Siena il 20 giugno alle 9.30
Giovani: “Il ritorno alla terra? Al ralenti”. Su Italia Oggi le conclusioni del Simposio organizzato da Anga-Confagricoltura
19 giugno 2024Dicono di noi
Giovani: “Il ritorno alla terra? Al ralenti”. Su Italia Oggi le conclusioni del Simposio organizzato da Anga-Confagricoltura
Lavoro: firmato a Palazzo della Valle il rinnovo del contratto per Quadri e impiegati agricoli
18 giugno 2024Comunicati
Lavoro: firmato a Palazzo della Valle il rinnovo del contratto per Quadri e impiegati agricoli
“La riforma fiscale e lo sviluppo delle attività agricole innovative e delle agroenergie”: mercoledì 19 giugno alle 10.30 a Palazzo della Valle, convegno con gli interventi di Lollobrigida e Leo
18 giugno 2024Comunicati
“La riforma fiscale e lo sviluppo delle attività agricole innovative e delle agroenergie”: mercoledì 19 giugno alle 10.30 a Palazzo della Valle, convegno con gli interventi di Lollobrigida e Leo
Incendio Sa Marigosa. Le OP ortofrutticole sarde danno il via a una raccolta fondi per la ricostruzione e il rilancio dell’importante realtà produttiva
18 giugno 2024Dal Territorio
Incendio Sa Marigosa. Le OP ortofrutticole sarde danno il via a una raccolta fondi per la ricostruzione e il rilancio dell’importante realtà produttiva
Giansanti indica le priorità per i prossimi quattro anni di Confagricoltura
18 giugno 2024Mondo Agricolo - approfondimenti
Giansanti indica le priorità per i prossimi quattro anni di Confagricoltura
Agricoltura, ANGA: Si rafforza l'impegno dei giovani europei per l'innovazione del settore
17 giugno 2024Comunicati
Agricoltura, ANGA: Si rafforza l'impegno dei giovani europei per l'innovazione del settore
Ripristino della natura: Il voto di oggi penalizza l’agricoltura e l’attività produttiva
17 giugno 2024Comunicati
Ripristino della natura: Il voto di oggi penalizza l’agricoltura e l’attività produttiva
Chiudi